lunedì 05 dicembre | 20:08
pubblicato il 01/mar/2012 20:30

Berlusconi e Casini pronti Grande coalizione bis. Bersani frena

Dal Cavaliere al Ppe sfogo su giustizia. Leader Udc: no comment

Berlusconi e Casini pronti Grande coalizione bis. Bersani frena

Bruxelles, 1 mar. (askanews) - Una Grande coalizione per continuare il processo di riforme dopo le elezioni del 2013 è possibile. O almeno la pensano così Silvio Berlusconi e Pier Ferdinando Casini, che hanno partecipato oggi al vertice del Partito popolare europeo riunito a Bruxelles come tradizione prima del Consiglio Ue. A cantare fuori dal coro 'ABC' è però il segretario del Pd, Pierluigi Bersani, secondo il quale un bis dello schieramento che sostiene Mario Monti "non esiste in natura". Tranchant è invece il leader della Lega Umberto Bossi secondo cui è possibile che il Professore faccia un secondo mandato perché Napolitano e Berlusconi "sono suoi amici". Certo, l'apertura del Cavaliere rientra in un percorso più ampio legato alla "possibilità di un accordo sulle riforme con la sinistra e l'opposizione". "Noi - ha detto Berlusconi al termine del pranzo con i colleghi del Ppe - abbiamo fatto un passo indietro ora perché riteniamo necessarie per l'Italia le riforme, senza le quali il paese non è governabile". Sponsor della prima ora di un secondo tempo di Monti è Pier Ferdinando Casini: "La formula di armistizio, di basta litigi, di unità tra i partiti - ha sottolineato - serve al Paese oggi e tra cinque anni. Mi auguro che la stessa coalizione, con un impegno diretto delle forze politiche, ci sia anche all'indomani delle elezioni". Berlusconi si è anche lasciato andare ad un'ipotesi che va ben oltre. Alla domanda se immagina dopo le prossime elezioni "un governo di cui facciano parte membri politici di Pd, Pdl e Terzo polo", ha risposto: "Sì perchè la democrazia si sostiene e si concretizza nei partiti". "Vediamo - ha detto a chi insiste nel chiedergli della possibilità di una grande coalizione - noi siamo responsabili abbiamo fatto un passo indietro con generosità e senso dello Stato, ma siamo assolutamente convinti che senza le riforme del lavoro, della giustizia, del fisco e soprattutto dell'architettura istituzionale, il nostro paese non può essere governato". Ha anche un programma il leader del Pdl: "La riforma delle istituzioni è la priorità assoluta, è necessario riformare i poteri del governo, il percorso di approvazione delle leggi e il ruolo della Corte costituzionale". Insomma, sulla Grosse koalition all'italiana Pier Ferdinando Casini e Silvio Berlusconi sembrano essere su posizioni molto vicini. Eppure tra i due - viene riferito - durante il vertice del Ppe ci sarebbe stato poco più che una stretta di mano. D'altra parte durante il suo intervento il Cavaliere non soltanto avrebbe perorato la causa della liberazione di Yulia Tymoschenko, ma anche approfittato della platea internazionale per cercare di dare una 'lucidata' alla sua immagine, anche alla luce dell'esito del processo Mills. Berlusconi, infatti, avrebbe dedicato una parte del suo intervento a sfogarsi contro la situazione italiana in cui il premier non ha poteri e le leggi volute dal Parlamento vengono abolite dalla Corte costituzionale per volere di Magistratura democratica. E chissà se è stato proprio durante questo passaggio che Casini su Twitter si è sfogato: "Interviene Berlusconi. No comment".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari