sabato 03 dicembre | 12:35
pubblicato il 17/nov/2013 16:05

Berlusconi e Alfano divisi ma senza guerre, occhi su Cancellieri

Il ministro della Giustizia un "caso" nel centrosinistra

Berlusconi e Alfano divisi ma senza guerre, occhi su Cancellieri

Milano (askanews) - Silvio Berlusconi e Angelino Alfano hanno consumato la separazione: il delfino ha scelto di prendere le distanze dal leader carismatico e dai suoi più agguerriti sostenitori, ma tra le due anime di quello che era il Pdl sembra non essere all'orizzonte alcuna "guerra" e continuano, da ambo le parti, ad arrivare messaggi di grande apertura verso gli ex compagni di partito. Ad accendere il dibattito politico è però anche il "caso" del ministro della Giustizia Anna Maria Cancellieri, che divide il centrosinistra. Il candidato alla primarie democratiche, Pippo Civati, ha ufficialmente chiesto una mozione per la sfiducia. Anche le altre componenti del partito sembrano essere in movimento: sia dal candidato "istituzionale" Gianni Cuperlo, sia dai renziani arrivano richieste quantomeno di un chiarimento sulla vicenda che vede coinvolta il ministro e la famiglia Ligresti.

Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari