martedì 21 febbraio | 22:31
pubblicato il 12/set/2011 05:10

Berlusconi difende manovra, ma teme di finire imputato sui media

Domani finanziaria in aula alla Camera. Voto finale in settimana

Berlusconi difende manovra, ma teme di finire imputato sui media

Roma, 12 set. (askanews) - "La mia finanziaria ha salvato l'Italia". Silvio Berlusconi passa al contrattacco. "Sulla mia persona in questi giorni vengono dette infinite falsità", dice di buon mattino nel messaggio ai Promotori della Libertà, apparecchiando una controffensiva per tentare di arginare le critiche per la scelta di disertare l'appuntamento con i pm martedì sul caso Tarantini-Lavitola. Una storia nella quale il premier figura come vittima di una presunta estorsione, non come imputato, ma che nella sostanza mediatica rischia di spingerlo nel solito tritacarne dello scontro con i giudici. Ed è questo il timore del presidente del Consiglio, la paura di finire anche stavolta sul banco degli imputati, se non altro in quanto capo del governo ricattabile. Ad ogni modo, il Cavaliere conferma comunque la propria decisione di volare in Europa martedì per "discutere di manovra economica". Oggi pomeriggio intanto la finanziaria approderà in aula alla Camera, ok definitivo previsto per mercoledì o giovedì probabilmente con voto di fiducia. Il testo infatti verrebbe blindato dal governo per rispondere all'esigenza di far presto, più volte sottolineata dal capo dello Stato alla luce degli andamenti dei mercati e le richieste dell'Ue. Dunque, le misure per sviluppo e crescita, invocate dal Colle e annunciate dal ministro Giulio Tremonti per questa settimana, dovrebbero rientrare in altri provvedimenti. Non sono esclusi interventi sulle pensioni, almeno a sentire il segretario del Pdl Angelino Alfano che ieri, chiudendo la festa dei giovani del partito 'Atreju', ha sottolineato che "non si può chiedere alle nuove generazioni di lavorare fino a 80 anni solo perchè le generazioni precedenti hanno lavorato fino ai 45". Argomento, quello della previdenza, che mette in allarme il Carroccio, la cui parte maroniana è più che mai agitata contro il premier (Tosi: "Ciclo concluso, Berlusconi si faccia da parte"). Ma le acque sono agitate anche in casa Pdl. Giorno per giorno, sempre di più. La governatrice del Lazio Renata Polverini chiede che il premier lasci prima del 2013, il ministro Giorgia Meloni non si stanca di invocare primarie per la scelta del leader, ma incassa solo gelo da Alfano: "Vedremo più in là, è un problema che si porrà tra la fine del 2012 e il 2013". Insomma, i luogotenenti lealisti del Pdl continuano a far quadrato attorno al premier, consapevoli però la diga rischia di cedere sotto i morsi della crisi, le sferzate dei mercati e le offerte di pacificazione avanzate da Casini. Da parte sua, il Cavaliere non vuol sentire parlare di patti di legislatura ("sono un semplice, guardo al voto degli elettori"), ma l'idea nel Pdl fa proseliti oltre la cerchia del critico Pisanu. Tanto che Alfano sente il bisogno di una strigliata: "Basta con le interviste sui giornali per fare a gara a chi dà la martellata più forte al partito. Chi ci crede giochi la partita, chi no si metta a bordo campo". Ieri è tornato anche Gianfranco Fini sulla scena politica. Il presidente della Camera chiude la festa di Fli a Mirabello: i fatti dicono che "un anno fa avevamo ragione. Siamo alla fine del berlusconismo, serve un nuovo premier".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Campidoglio
Grillo: ammetto le colpe a Roma, ma andiamo avanti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia