mercoledì 22 febbraio | 17:23
pubblicato il 08/ago/2013 13:02

Berlusconi: Di Pietro, rinvio Giunta Senato e' assurdita'

Berlusconi: Di Pietro, rinvio Giunta Senato e' assurdita'

(ASCA) - Roma, 8 ago - ''Ieri, la Giunta per le immunita', per essere in linea con quest'esecutivo dei rinvii, ha concesso altro preziosissimo tempo al condannato Berlusconi, posticipando di un mese sia il voto sulla sua decadenza sia quello sul ricorso presentato dall'IdV Molise sulla sua ineleggibilita'. Un'assurdita'! Davanti a un condannato in via definitiva per frode fiscale, gia' decaduto dal mandato nel momento della notifica, nonche' in base alla Legge Severino, la Giunta ha rinviato un voto che avrebbe dovuto essere una mera formalita', una presa d'atto e basta''. Lo scrive sul suo blog il presidente onorario dell'Italia dei Valori, Antonio Di Pietro. ''Quali che siano le ragioni che hanno fatto scattare il rinvio, come quella secondo cui non si conoscono ancora le motivazioni della Corte, o addirittura che lo stop dei lavori sia dettato dalla pausa estiva - aggiunge Di Pietro - c'e' un dato di fatto che e' inequivocabile, chiaro e che non deve lasciare spazio ad alcun fraintendimento: la Cassazione ha condannato in via definitiva Silvio Berlusconi. Di cos'altro c'e' bisogno? E' evidente che dietro questa boccata d'ossigeno concessa a Berlusconi non si puo' non intravedere un piano volto a dilatare i tempi, nella speranza che si riesca a trovare una strada qualsiasi per garantire un salvacondotto al condannato, per dargli quella 'agibilita'' politica tanto anelata che, semplicemente, non esiste. Mi chiedo, cosa accadra' quando a esprimersi sara' l'Assemblea dei senatori, visto il comportamento inconcludente della Giunta per le immunita'. ''Vedremo - dice ancora l'ex-magistrato - se il Senato avra' un sussulto di dignita' e si limitera', come e' giusto che sia, a prendere atto della sentenza emessa dalla Cassazione, o se, pur di proteggere un governo che nessuno ha voluto, si pieghera' al volere di un condannato, esprimendo un voto in contrasto con la sentenza che sarebbe un colpo di Stato, una violazione dello Stato di diritto senza precedenti''.

''Berlusconi - conclude - ha gia' fatto troppi danni al nostro Paese, ci ha fatto perdere credibilita' davanti agli occhi della comunita' internazionale, ha piegato, per anni, le istituzioni al proprio volere e ai propri interessi facendosi confezionare leggi ad personam. Ora non puo' che rassegnarsi. Capiamo che per un individuo come lui sia difficile da accettare ma l'unica grande verita' di questa vicenda, l'unica non fraintendibile, e' che la giustizia ha fatto il suo corso e lo ha dichiarato colpevole''.

com/sgr/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Orfini: dopo Emiliano spero ci ripensino Rossi e Speranza
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Spazio, astronauti italiani e cinesi lavoreranno fianco a fianco
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
De Caro, alta velocità Brescia-Verona a marzo ok da Cipe