venerdì 20 gennaio | 21:56
pubblicato il 14/ago/2013 15:29

Berlusconi: Di Maio, Napolitano faccia un passo indietro

Berlusconi: Di Maio, Napolitano faccia un passo indietro

(ASCA) - Roma, 14 ago - ''Io non sono un esperto di linguaggio politichese, ma la mia impressione e' che se spegniamo tv e non compriamo giornali per tutto il mese di agosto, alla fine la vicenda 'Berlusconi, grazie e graziella' a settembre non sara' andata avanti di un solo millimetro.

L'intera messa in scena si fonda sul bisogno di Berlusconi di dimostrare che ''e' uno che non molla'', ma in realta' sa bene che se stacca la spina e' finito, ha ancora tre processi pendenti e l'unica speranza di avere qualche provvedimento ad personam ce l'ha se resta alleato del Partito Democratico (la sua opposizione preferita)''. E' quanto scrive sul proprio profilo Facebook il vicepresidente della Camera ed esponente del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio. ''Dall'altra parte - scrive Di Maio - c'e' Napolitano, da arbitro del quadro politico e' diventato giocatore in campo con tanto di fascia da capitano. Alcune regole valgono anche per lui, come quelle sancite dalla Costituzione, e sa bene che la grazia non e' una via percorribile, altrimenti il Movimento 5 Stelle chiedera' di applicare l'art 90 della Costituzione. Sembra di essersi addormentati in un incubo iniziato il 20 aprile 2013, quando ci ritrovammo eletto Presidente della Repubblica quello uscente. Adesso sarebbe il caso di svegliarsi''.

''Sarebbe il caso -incalza il vicepresidente della Camera - che Napolitano facesse un passo indietro, senza sciogliere le camere, cosi' da costringere questo Parlamento ad eleggere un nuovo Presidente della Repubblica, che sappia (senza condizionamenti) decidere se sciogliere le Camere o dare un nuovo mandato di Governo. L'attuale Presidente e' troppo coinvolto per poter fare questa scelta ormai. Il Governo Letta e' una sua creatura. Capisco benissimo la difficolta' che trova nel volersene sbarazzare. E per questa l'unica soluzione e' liberarsi di responsabilita' che non gli competono. Sara' un'estate a somma zero. A settembre - conclude - ci ritroveremo solo con un grande mal di testa, con parole che ci rimbombano in mente come ''agibilita' politica'' o ''grazia'' e soprattutto con un paese in difficolta' economiche sempre piu' gravi. Svegliamoci''. com-brm/cam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4