venerdì 09 dicembre | 21:04
pubblicato il 14/ago/2013 15:29

Berlusconi: Di Maio, Napolitano faccia un passo indietro

Berlusconi: Di Maio, Napolitano faccia un passo indietro

(ASCA) - Roma, 14 ago - ''Io non sono un esperto di linguaggio politichese, ma la mia impressione e' che se spegniamo tv e non compriamo giornali per tutto il mese di agosto, alla fine la vicenda 'Berlusconi, grazie e graziella' a settembre non sara' andata avanti di un solo millimetro.

L'intera messa in scena si fonda sul bisogno di Berlusconi di dimostrare che ''e' uno che non molla'', ma in realta' sa bene che se stacca la spina e' finito, ha ancora tre processi pendenti e l'unica speranza di avere qualche provvedimento ad personam ce l'ha se resta alleato del Partito Democratico (la sua opposizione preferita)''. E' quanto scrive sul proprio profilo Facebook il vicepresidente della Camera ed esponente del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio. ''Dall'altra parte - scrive Di Maio - c'e' Napolitano, da arbitro del quadro politico e' diventato giocatore in campo con tanto di fascia da capitano. Alcune regole valgono anche per lui, come quelle sancite dalla Costituzione, e sa bene che la grazia non e' una via percorribile, altrimenti il Movimento 5 Stelle chiedera' di applicare l'art 90 della Costituzione. Sembra di essersi addormentati in un incubo iniziato il 20 aprile 2013, quando ci ritrovammo eletto Presidente della Repubblica quello uscente. Adesso sarebbe il caso di svegliarsi''.

''Sarebbe il caso -incalza il vicepresidente della Camera - che Napolitano facesse un passo indietro, senza sciogliere le camere, cosi' da costringere questo Parlamento ad eleggere un nuovo Presidente della Repubblica, che sappia (senza condizionamenti) decidere se sciogliere le Camere o dare un nuovo mandato di Governo. L'attuale Presidente e' troppo coinvolto per poter fare questa scelta ormai. Il Governo Letta e' una sua creatura. Capisco benissimo la difficolta' che trova nel volersene sbarazzare. E per questa l'unica soluzione e' liberarsi di responsabilita' che non gli competono. Sara' un'estate a somma zero. A settembre - conclude - ci ritroveremo solo con un grande mal di testa, con parole che ci rimbombano in mente come ''agibilita' politica'' o ''grazia'' e soprattutto con un paese in difficolta' economiche sempre piu' gravi. Svegliamoci''. com-brm/cam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Emiliano: Renzi si dimetta anche da segretario del Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Usa, Pecoraro Scanio: nomina Pruitt a Epa pericolo per l'Ambiente
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina