venerdì 24 febbraio | 23:11
pubblicato il 09/gen/2013 13:15

Berlusconi: Corte d'appello Milano, basta insinuazioni e dileggi

Berlusconi: Corte d'appello Milano, basta insinuazioni e dileggi

(ASCA) - Roma, 9 gen - Basta con ''espressioni di dileggio'' e insinuazioni nei confronti dei giudici di Milano: ai vertici del palazzo di giustizia del capoluogo lombardo non sono piaciute le parole usate ieri da Silvio Berlusconi, che nel suo intervento a ''Otto e mezzo'' ha definito ''comuniste'' e ''femministe'' le giudici titolari della sua causa civile di separazione con l'ex moglie Veronica Lario.

Cosi' Giovanni Canzio e Livia Pomodoro, rispettivamente presidente della corte d'appello e presidente del tribunale di Milano, hanno preso carta e penna per replicare nero su bianco alle parole del leader del Pdl. Un comunicato che serve a Canzio e alla Pomodoro per ''respingere con fermezza ogni insinuazione sulla non terzieta' dei giudici del tribunale componenti del collegio giudicante della causa Bartolini-Berlusconi, essendo a tutti nota la diligenza e la capacita' professionale delle stesse, quotidianamente impegnate nella fatica della giurisdizione nella delicata materia del diritto di famiglia''. Il presidente della Corte d'appello e la numero uno del tribunale ricordano a Berlusconi ''che la raccomandazione del comitato dei ministri della giustizia del Consiglio d'Europa prescrive ai rappresentanti dei poteri esecutivo e legislativo di evitare, nel commento delle decisioni dei giudici, ogni espressione di dileggio che possa minare la fiducia nei cittadini nella magistratura e compromettere il rispetto sostanziale delle medesime decisioni''. Nel comunicato, i vertici dell'autorita' giudiziaria milanese sottolineano infine ''che le norme del codice del diritto civile consentono agli interessati di impugnare i provvedimenti giudiziari e sulla relativa impugnazione la Corte d'appello esercitera', come di consueto, il puntuale controllo critico della decisione di primo grado per i profili di legittimita' e del merito''.

In base alla sentenza di primo grado emessa nella causa di separazione tra Silvio Berlusconi e l'ex moglie Veronica Lario, il tribunale civile di Milano ha stabilito per Berlusconi un pagamento di 3 milioni di euro al mese nei confronti dell'ex moglie.

fcz/sam/rl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech