lunedì 05 dicembre | 16:09
pubblicato il 09/gen/2013 13:15

Berlusconi: Corte d'appello Milano, basta insinuazioni e dileggi

Berlusconi: Corte d'appello Milano, basta insinuazioni e dileggi

(ASCA) - Roma, 9 gen - Basta con ''espressioni di dileggio'' e insinuazioni nei confronti dei giudici di Milano: ai vertici del palazzo di giustizia del capoluogo lombardo non sono piaciute le parole usate ieri da Silvio Berlusconi, che nel suo intervento a ''Otto e mezzo'' ha definito ''comuniste'' e ''femministe'' le giudici titolari della sua causa civile di separazione con l'ex moglie Veronica Lario.

Cosi' Giovanni Canzio e Livia Pomodoro, rispettivamente presidente della corte d'appello e presidente del tribunale di Milano, hanno preso carta e penna per replicare nero su bianco alle parole del leader del Pdl. Un comunicato che serve a Canzio e alla Pomodoro per ''respingere con fermezza ogni insinuazione sulla non terzieta' dei giudici del tribunale componenti del collegio giudicante della causa Bartolini-Berlusconi, essendo a tutti nota la diligenza e la capacita' professionale delle stesse, quotidianamente impegnate nella fatica della giurisdizione nella delicata materia del diritto di famiglia''. Il presidente della Corte d'appello e la numero uno del tribunale ricordano a Berlusconi ''che la raccomandazione del comitato dei ministri della giustizia del Consiglio d'Europa prescrive ai rappresentanti dei poteri esecutivo e legislativo di evitare, nel commento delle decisioni dei giudici, ogni espressione di dileggio che possa minare la fiducia nei cittadini nella magistratura e compromettere il rispetto sostanziale delle medesime decisioni''. Nel comunicato, i vertici dell'autorita' giudiziaria milanese sottolineano infine ''che le norme del codice del diritto civile consentono agli interessati di impugnare i provvedimenti giudiziari e sulla relativa impugnazione la Corte d'appello esercitera', come di consueto, il puntuale controllo critico della decisione di primo grado per i profili di legittimita' e del merito''.

In base alla sentenza di primo grado emessa nella causa di separazione tra Silvio Berlusconi e l'ex moglie Veronica Lario, il tribunale civile di Milano ha stabilito per Berlusconi un pagamento di 3 milioni di euro al mese nei confronti dell'ex moglie.

fcz/sam/rl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari