domenica 19 febbraio | 16:13
pubblicato il 19/giu/2013 18:56

Berlusconi: Consulta respinge richiesta legittimo impedimento (1 update)

(ASCA) - Roma, 19 giu - La Corte Costituzionale ha respinto il ricorso presentato dai legali di Silvio Berlusconi per il riconoscimento del legittimo impedimento dell'ex premier a partecipare all'udienza del 1* marzo 2010 nell'ambito del processo Mediaset. La riunione del Consiglio dei Ministri, addotta da Berlusconi come causa dell'impossibilita' a presenziare all'udienza, per i giudici costituzionali non costituisce impedimento assoluto.

''La Corte costituzionale - viene spiegato nella nota diffusa dall'ufficio stampa del Palazzo della Consulta - in relazione al giudizio per conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato vertente fra il Presidente del Consiglio dei ministri e il Tribunale ordinario penale di Milano, ha deciso che, in base al principio di leale collaborazione - e fermo rimanendo che il giudice, nel rispetto del principio della separazione dei poteri, non puo' invadere la sfera di competenza riservata al Governo -, spettava all'autorita' giudiziaria stabilire che non costituisce impedimento assoluto alla partecipazione all'udienza penale del 1* marzo 2010 l'impegno dell'imputato Presidente del Consiglio dei ministri di presiedere una riunione del Consiglio da lui stesso convocata per tale giorno, giorno che egli aveva in precedenza indicato come utile per la sua partecipazione all'udienza. A questa decisione - prosegue la nota - la Corte e' giunta osservando che, dopo che per piu' volte il Tribunale aveva rideterminato il calendario delle udienze a seguito di richieste di rinvio per legittimo impedimento, la riunione del Consiglio dei ministri, gia' prevista in una precedente data non coincidente con un giorno di udienza dibattimentale, e' stata fissata dall'imputato Presidente del Consiglio in altra data coincidente con un giorno di udienza, senza fornire alcuna indicazione (diversamente da quanto fatto nello stesso processo in casi precedenti), ne' circa la necessaria concomitanza e la ''non rinviabilita''' dell'impegno, ne' circa una data alternativa per definire un nuovo calendario''.

fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto lascia Si: non serve partito ma nuovo centrosinistra
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Pd, fallisce nuova mediazione ma si tratta. Rischio scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia