sabato 03 dicembre | 20:45
pubblicato il 06/set/2015 13:53

Berlusconi: con riforma Senato e Italicum rischio regime

"Siamo in un paese senza democrazia, tre governi non eletti"

Berlusconi: con riforma Senato e Italicum rischio regime

Roma, 6 set. (askanews) - Silvio Berlusconi è tornato a criticare la riforma costituzionale e la riforma elettorale, i9l cosiddetto Italicum, nel corso del suo intervento telefonico al raduno giovanile forzista "Everest" organizzato da Maurizio Gasparri a Giovinazzo in provincia di Bari. "Siamo in un'Italia - ha detto il leader azzurro - dove non c'è una democrazia. Siamo in un paese che ha tre governi non eletti dal popolo e che vede un rischio forte all'orizzonte: quello di due riforme che se non saranno cambiate potranno portare ancora più a una non democrazia, potranno portare a un regime".

Secondo Berlusconi, infatti, va valutato "il combinato disposto di una legge costituzionale che praticamente abolisce il Senato e dà la legislazione soltanto a una camera, e dall'altra il fatto che i voti vanno a un solo partito e questo partito con il secondo turno, anche con il 40 per cento dei voti può ottenere la guida unica del Paese".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, Renzi: brogli? Siamo seri, polemiche stanno a zero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari