mercoledì 22 febbraio | 11:39
pubblicato il 26/feb/2013 00:27

Berlusconi come l'araba fenice: dalle dimissioni alla rimonta

Gli italiani credono alla proposta di restituzione dell'Imu

Berlusconi come l'araba fenice: dalle dimissioni alla rimonta

Milano (askanews) - Come un mago, ha estratto dal cilindro il coniglio che gli ha permesso di dare il via alla rimonta. E' il 3 febbraio del 2013, mancano 21 giorni al voto per il nuovo governo, e Silvio Berlusconi annuncia la sua proposta choc, dopo aver lasciato per giorni gli avversari sulla graticola. All'annuncio della restituzione dell'Imu, è seguito un vero e proprio assedio mediatico del Cavaliere: dalle prime ore del mattino sino a tarda sera, Berlusconi non si è lasciato scappare nessuna occasione televisiva e radiofonica. Gli avversari, inutile dire, lo hanno attaccato per la sua proposta sull'Imu, hanno provato a smontarla con obiezioni concrete. Ma, come fa ormai dal 1994, lui è andato avanti. Il novembre 2011, quando lasciava il timone di Palazzo Chigi al tecnico Mario Monti e lo spread Bpt-Bund era oltre 550 punti, sembra lontano anni luce dopo il verdetto delle urne: è riuscito a far cadere nel dimenticatoio gli scandali che dal Lazio alla Lombardia hanno scosso il Popolo della Libertà, ha cancellato in un solo colpo le primarie che il partito avrebbe dovuto celebrare il 16 dicembre 2012. Un appuntamento voluto fortemente dal delfino, Angelino Alfano, che alla fine ha dovuto fare il passo indietro. E chi, invece, non ci è stato, come Giorgia Meloni e Maurizio Crosetto, si è accomodato alla porta senza troppo proteste. Intanto l'ex premier ha continuato a tessere la sua tela, stringendo l'accordo con la Lega in Lombardia, condidandosi per il ministero dell'Economia e dello Sviluppo economico e rilanciando, per la sua sesta campagna elettorale in 18 anni, attacchi alla magistratura e condoni tombali. Dopo il contratto, questa volta ha inviato il fac-simile per il rimborso dell'Imu a casa degli italiani, mandando molti in confusione. Immediate le polemiche, ma il risultato del voto sembra dargli ragione, anzi forse è andato oltre le sue stesse aspettative. E chi nel centrosinistra sperava che la presenza di Nanni Moretti sul palco del Pd potesse lasciare presagire la fine del Caimano, evidentemente sbagliava.

Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Di Maio (M5s): elettori Pd disorientati, guardano a noi
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Verso candidatura cultura del tartufo a patrimonio Unesco
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%