domenica 04 dicembre | 15:28
pubblicato il 29/mar/2014 11:19

Berlusconi: Cicchitto, declino parte con Noemi. Poi colpe estremismo Pdl

Berlusconi: Cicchitto, declino parte con Noemi. Poi colpe estremismo Pdl

(ASCA) - Roma, 29 mar 2014 - ''Gli anni fulgidi'' del ventennio berlusconiano ''sono stati dal 2001 al 2006, quelli del secondo governo Berlusconi. Il declino inizia dal 2009''.

Ne e' convinto Fabrizio Cicchitto, per lunghi anni a fianco dell'ex premier, oggi deputato Ncd, che in un'intervista a ''la Repubblica'' premette: ''Io penso che Berlusconi abbia subito vent'anni di attacco permanente di un settore della magistratura e per questo gli esprimo ancora oggi solidarieta'. Detto questo, pur escludendo che le varie vicende abbiano avuto alcun rilievo penale, penso che per lui nel 2009 sia suonato un grande campanello d'allarme, purtroppo non avvertito. Mi riferisco alla vicenda Noemi, per esempio, e alle altre a seguire. Che hanno generato una enorme difficolta' mediatica e poi politica, in Italia e nell'opinione pubblica straniera. Quando a queste vicende nel 2011 si e' sommata la crisi finanziaria, allora il corto circuito e' stato letale''.

Nessun golpe, insomma, nessun complotto? ''C'e' stato un accerchiamento giudiziario e mediatico attorno alla sua vita privata, ma certo il presidente Napolitano non ha ordito alle sue spalle. Anzi, continuo a ritenere che ancora nell'agosto 2013 fosse possibile ottenere la grazia. Poi tutto e' stato vanificato dagli attacchi al Quirinale da parte delle ali piu' estreme del partito, dalla decisione di togliere l'appoggio al governo Letta-Alfano, dalle spaccature che l'ala estremista ha fomentato nel Pdl, fino alla proposta di dimissioni degli eletti dal Parlamento''.

Pensa che Berlusconi adesso sia ostaggio del cerchio magico, come dicono? ''Quando allontani quello che tu stesso avevi indicato come successore e scegli la via dell'estremismo, si mette in moto una spirale a cerchi sempre piu' ristretti''. Che ne sara' di FI senza leader alle Europee? ''Secondo me corre un serio pericolo sia sul piano politico che sul piano elettorale. Noi del Ncd abbiamo aggregato una gran quantita' di amministratori, registriamo percio' un'ostilita' molto generalizzata nei nostri confronti. Lavoriamo per aggregare un vasto schieramento di forze moderate e riformiste. Il futuro ora e' tutto da scrivere''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari