venerdì 20 gennaio | 16:03
pubblicato il 12/set/2013 15:50

Berlusconi: Casson (Pd), infondate tesi su problema retroattivita'

(ASCA) - Roma, 12 set - ''La decadenza non e' ne' una sanzione penale ne' amministrativa e pertanto non si pone il problema della retroattivita' e la legge Severino e' assolutamente in linea con la Costituzione e il diritto europeo''. Lo ha detto il senatore Felice Casson (Pd) in Giunta per le elezioni e le Immunita', primo iscritto a parlare nella discussione generale, smontando - si legge in una nota del gruppo Pd al Senato - punto per punto le tesi sollevate dal relatore. Casson ha iniziato spiegando che la legge Severino non ha problemi di applicabilita' reatroattiva ''secondo la Corte sarebbe il giudizio d'indegnita' morale riferito dalla legge - ancorche' successivamente alla realizzazione del fatto - alla condanna per determinati reati a rendere illegittima la permanenza nell'incarico''. Riguardo l'appello alla Corte europea Casson ha spiegato che non e' materia di sua competenza, la stessa Corte ''ha affermato che il diritto di voto e' suscettibile di limitazioni ad opera del legislatore nazionale, che gode di un ampio margine di apprezzamento in proposito''. Quindi il tema del ricorso alla Corte Costituzionale. ''In ogni caso - ha detto - non e' certo nella disponibilita' della Giunta il potere di rinvio alla Consulta per sollevare questioni di costituzionalita' delle norme di legge, non potendo qualificarsi questo organo come giudice a quo ai fini dell'art. 134''. Ricordando, per altro, che ''al momento della formazione/approvazione della nuova normativa, nessuno ha rilevato profili di anche teorica illegittimita' costituzionale''. Cosi' come e' manifestamente inammissibile un rinvio pregiudiziale alla Corte di giustizia europea: ''Per due ordini di ragioni essenziali: la mancanza della pendenza di un ''giudizio'' e l'assenza di collegamento con il diritto Ue, necessario a radicare la competenza della Corte di giustizia''. In ogni caso, ad ulteriore dimostrazione della ''pretestuosita' dell'eccezione - ha concluso Casson - si rileva inoltre come nel caso di specie manchi qualsiasi criterio di collegamento tra la legislazione nazionale applicata nella fattispecie e il diritto comunitario'', poiche' ''la protezione della Corte di giustizia non puo' essere invocata qualora la fattispecie riguardi un comportamento di uno Stato membro assunto in un settore in cui non sussistono obblighi derivanti dall'ordinamento dell'Unione''. com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, correnti in tensione su voto subito e leadership Renzi
Terremoto
M5s cancella mobilitazione giorno decisione Consulta su Italicum
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Governo
Prodi da Gentiloni a Palazzo Chigi, incontro di un'ora
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
A Unidata gara per frequenze reti radio a larga banda
Sistema Trasporti
Delrio: "Proporrò sconti sugli abbonamenti del trasporto locale"