lunedì 05 dicembre | 20:00
pubblicato il 12/set/2013 15:50

Berlusconi: Casson (Pd), infondate tesi su problema retroattivita'

(ASCA) - Roma, 12 set - ''La decadenza non e' ne' una sanzione penale ne' amministrativa e pertanto non si pone il problema della retroattivita' e la legge Severino e' assolutamente in linea con la Costituzione e il diritto europeo''. Lo ha detto il senatore Felice Casson (Pd) in Giunta per le elezioni e le Immunita', primo iscritto a parlare nella discussione generale, smontando - si legge in una nota del gruppo Pd al Senato - punto per punto le tesi sollevate dal relatore. Casson ha iniziato spiegando che la legge Severino non ha problemi di applicabilita' reatroattiva ''secondo la Corte sarebbe il giudizio d'indegnita' morale riferito dalla legge - ancorche' successivamente alla realizzazione del fatto - alla condanna per determinati reati a rendere illegittima la permanenza nell'incarico''. Riguardo l'appello alla Corte europea Casson ha spiegato che non e' materia di sua competenza, la stessa Corte ''ha affermato che il diritto di voto e' suscettibile di limitazioni ad opera del legislatore nazionale, che gode di un ampio margine di apprezzamento in proposito''. Quindi il tema del ricorso alla Corte Costituzionale. ''In ogni caso - ha detto - non e' certo nella disponibilita' della Giunta il potere di rinvio alla Consulta per sollevare questioni di costituzionalita' delle norme di legge, non potendo qualificarsi questo organo come giudice a quo ai fini dell'art. 134''. Ricordando, per altro, che ''al momento della formazione/approvazione della nuova normativa, nessuno ha rilevato profili di anche teorica illegittimita' costituzionale''. Cosi' come e' manifestamente inammissibile un rinvio pregiudiziale alla Corte di giustizia europea: ''Per due ordini di ragioni essenziali: la mancanza della pendenza di un ''giudizio'' e l'assenza di collegamento con il diritto Ue, necessario a radicare la competenza della Corte di giustizia''. In ogni caso, ad ulteriore dimostrazione della ''pretestuosita' dell'eccezione - ha concluso Casson - si rileva inoltre come nel caso di specie manchi qualsiasi criterio di collegamento tra la legislazione nazionale applicata nella fattispecie e il diritto comunitario'', poiche' ''la protezione della Corte di giustizia non puo' essere invocata qualora la fattispecie riguardi un comportamento di uno Stato membro assunto in un settore in cui non sussistono obblighi derivanti dall'ordinamento dell'Unione''. com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari