domenica 22 gennaio | 09:08
pubblicato il 01/ago/2013 20:36

Berlusconi: Cassazione lo condanna ma 'salva' seggio al Senato (focus)

Berlusconi: Cassazione lo condanna ma 'salva' seggio al Senato (focus)

(ASCA) - Milano, 1 ago - La condanna e' confermata, ma il futuro politico di Berlusconi, almeno sulla carta, e' comunque salvo. La Corte di Cassazione si e' pronunciata. La sentenza di condanna a 4 anni confermata da due diversi gradi di giudizio e' stata annullata ''limitatamente'' al ricalcolo della pena accessoria: i 5 anni di interdizione dai pubblici uffici che avrebbero significato la fine della carriera politica del leader Pdl. I giudici in ermellino della Suprema Corte hanno disposto la celebrazione di un nuovo processo di secondo grado ''perche' ridetermini la pena accessoria''. Non e' un'assoluzione per Berlusconi. Tutt'altro: la condanna per frode fiscale di 7,3 milioni di euro e' definitiva. Ma e' comunque un verdetto che se da un lato non sconfessa le precedenti sentenze dei giudici milanesi, dall'altro scongiura il rischio di ripercussioni devastanti che un eventuale provvedimento interdittivo immediatamente esecutivo avrebbe potuto provocare sullo scenario politico nazionale. L'ex premier, insomma, almeno per il momento resta Senatore. Il processo bis servira' esclusivamente a ricalcolare la durata dell'interdizione. L'ipotesi di reato piu' grave (la presunta frode fiscale da 4,9 milioni realizzata nell'esercizio finanziario 2002) si estinguera' tra poche settimane. Probabilmente prima ancora che gli atti processuali arrivino a Milano. I giudici titolari del processo bis che partira' nel capoluogo lombardo nel prossimo autunno (sara' ovviamente un collegio diverso da quello che si e' gia' espresso a carico dell'ex premier) dovranno tenerlo presente nel ricalcolo dell'interdizione. Il procuratore della Cassazione ha chiesto nella sua arringa ridurre la pena accessoria fino a 3 anni. Ma la Suprema Corte, come da prassi, non e' entrata nel merito, rinviando gli atti processuali a un giudice di merito. Quanto, infine, alla tempistica: il processo d'Appello bis necessario per rideterminare la pena accessoria prendera' il via non prima di ottobre. Prescrizione che scattera' su tutti i capi di imputazione a meta' 2014. E' probabile, ma non matematico, che entro questa scadenza sia possibile arrivare a nuovo un giudizio definitivo della Cassazione anche sulla pena accessoria. fcz/mar/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4