mercoledì 07 dicembre | 14:38
pubblicato il 03/giu/2016 11:02

Berlusconi: c'è stata emorragia consensi verso FI ma risorgerò

Domenica centrodestra vincerà in molte città italiane

Berlusconi: c'è stata emorragia consensi verso FI ma risorgerò

Roma, 3 giu. (askanews) - "Occhio che risorgo". Con questo titolo a nove colonne in prima pagina Libero propone una lunga intervista al leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi. L'ex premier ha spiegato che verso Forza Italia "c'è stata un'emorragia di consensi dovuta a diverse cause. Le principali sono due: la delusione degli elettori, che hanno visto ribaltato ancora una volta il risultato elettorale - è stato il quarto 'colpo di stato' indolore dal 1994 ad oggi - e il fatto che un'ignobile persecuzione giudiziaria ha tolto a Forza Italia il suo leader da parecchio tempo". "Tuttavia - ha aggiunto - non sono affatto pessimista" sull'esito delle prossime elezioni amministrative.

Berlusconi ha assicurato che il recupero degli elettori avverrà "con persone nuove, idee nuove, i valori di sempre, la dignità della coerenza, spiegando loro che stare a casa e non votare significa proprio favorire tutto quello che vorrebbero combattere: l'immobilismo, la corruzione, l'oppressione fiscale, l'oppressione burocratica, l'oppressione giudiziaria".

Parlando delle imminenti elezioni comunali Berlusconi ha sostenuto che "domenica prossima il centrodestra sarà la prima coalizione in molte città italiane. E lo sarà a livello nazionale quando finalmente agli italiani sarà concesso di far sentire la propria voce attraverso il voto".

"Ho ripreso soltanto da poche settimane ad essere presente sui mezzi di comunicazione che d'altra parte sono tutti - salvo eccezioni sempre più scarse - schierati contro di noi. Tuttavia - ha chiarito - non sono affatto pessimista. Gli elettori che ci hanno lasciato non hanno cambiato idea. Solo una parte di loro si è rifugiata in un voto di protesta legittimo, ma sterile. Gli altri hanno scelto di disertare le urne. A loro ci rivolgiamo".

Quanto all'alleanza con la Lega e la destra di Giorgia Meloni, Berlusconi ha rilevato che "non esiste in nessuna parte del mondo una destra che con le sue sole forze riesca a governare un grande Paese. Anche in Austria ci sono andati vicini ma hanno perso. In tutte le democrazie, o prevale un centrodestra moderato, o prevale la sinistra". Le posizioni della Lega "sono legittime", ha aggiunto sottolineando però che se fossero le sole in campo "Renzi avrebbe assicurata la poltrona di Palazzo Chigi per i prossimi vent'anni".

Sul referendum sulle riforme infine Berlusconi ha spiegato di aver fatto "un passo indietro quando ho capito che Renzi voleva soltanto cucirsi un abito su misura, per consentirsi, grazie alla riforma costituzionale e alla nuova legge elettorale, di governare l'Italia anche con il voto di soltanto un italiano su sei".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi vuole dalla direzione l'ok del Pd a elezioni anticipate
Governo
Renzi e Pd pronti a governo istituzionale: ma con numeri larghi
Governo
Bersani: Renzi vuole voto? Non si vince sulle macerie del Paese
Governo
Chi tifa e chi no per elezioni dopo il no alla riforme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni