martedì 24 gennaio | 14:56
pubblicato il 15/mag/2014 12:53

Berlusconi: Brunetta, dopo Geithner abbiamo diritto di sapere

(ASCA) - Roma, 15 mag 2014 - ''Furiosi e disgustati'. Questi due aggettivi usati da Berlusconi non sono parole scritte sull'acqua dell'emotivita'. Nascono da un giudizio sulla realta'. La testimonianza Geithner e' circostanziata e precisa. E' lui a usare le parole ''complotto', ''piano', ''trama'. Doveva essere un congegno brutale quello che avrebbe dovuto cancellare Berlusconi e commissariare l'Italia a Cannes, nel novembre del 2011, al G20, se Geithner a quegli esseri burocratici e potenti, che paiono i sicari di ''Assassinio nella cattedrale' di Eliot, risponde usando la parola ''sangue': ''Non ci sporcheremo le mani del suo sangue', dice agli ''officials' europei anche a nome di Barack Obama. Quel sangue era di Berlusconi. Ma era anche quello dell'Italia. Che siamo sicuri sia cara a tutti, specialmente al presidente Napolitano. Abbiamo diritto di sapere''. Lo afferma Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia sostenendo che ''visto che nessuna procura intende aprire il fascicolo per attentato allo Stato, il Parlamento ha non solo il diritto, ma specialmente il dovere di cercare la verita' fino in fondo. Sono fatti finora 'ignoti', per usare una definizione di Alfano. Noi avremmo molto da obiettare anche sulla interpretazione minimalista e superficiale dei fatti apparentemente noti, quale e' quella fornita dalla nota del Quirinale. La debolezza politica del governo Berlusconi e della sua maggioranza era palese. Si tratterebbe pero' di approfondire il perche' si trovasse in quelle condizioni. Se cioe' non ci siano stati interventi impropri per determinare scissioni e cambiamenti di casacca''. A Cannes, dice Brunetta, ''era gia' deciso che Monti sarebbe stato presidente del Consiglio. Monti fu fatto senatore a vita, premessa ovvia del suo insediamento al posto del premier voluto dai cittadini, che - ha ragione Napolitano - ''responsabilmente' scelse di evitare che la pistola dello spread alla tempia dell'Italia fosse azionata. Sul ''liberamente' bisogna intendersi. Di certo Berlusconi coscientemente si sacrifico'. Ma la liberta' di un uomo che accetta il plotone di esecuzione da innocente pur di salvare la sua famiglia, non contempla alternative, salvo che per i mascalzoni. La questione e' se chi poteva, magari lo stesso Napolitano, ha fatto di tutto per consentire di evitare quella scelta non proprio prevista dalla Costituzione. La quale non pare contempli il diritto di veto su un Presidente del Consiglio da parte di potenze straniere. Per questo noi reiteriamo la richiesta di votare subito la proposta di istituzione di una Commissione parlamentare d'inchiesta.

Insistiamo ancor piu' oggi, dopo la conferma di Napolitano che nemmeno a lui erano noti i fatti rivelati da Geithner, e che - ne deduciamo - se li avesse conosciuti si sarebbe ribellato. Come ci ribelliamo noi, ''furiosi e disgustati'''.

com-fdv/cam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Grillo: legge elettorale sarà quella che deciderà la Consulta
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
L.elettorale
Partiti attendono Consulta su Italicum. Già divisi sul day-after
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4