domenica 11 dicembre | 06:08
pubblicato il 15/mag/2014 12:53

Berlusconi: Brunetta, dopo Geithner abbiamo diritto di sapere

(ASCA) - Roma, 15 mag 2014 - ''Furiosi e disgustati'. Questi due aggettivi usati da Berlusconi non sono parole scritte sull'acqua dell'emotivita'. Nascono da un giudizio sulla realta'. La testimonianza Geithner e' circostanziata e precisa. E' lui a usare le parole ''complotto', ''piano', ''trama'. Doveva essere un congegno brutale quello che avrebbe dovuto cancellare Berlusconi e commissariare l'Italia a Cannes, nel novembre del 2011, al G20, se Geithner a quegli esseri burocratici e potenti, che paiono i sicari di ''Assassinio nella cattedrale' di Eliot, risponde usando la parola ''sangue': ''Non ci sporcheremo le mani del suo sangue', dice agli ''officials' europei anche a nome di Barack Obama. Quel sangue era di Berlusconi. Ma era anche quello dell'Italia. Che siamo sicuri sia cara a tutti, specialmente al presidente Napolitano. Abbiamo diritto di sapere''. Lo afferma Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia sostenendo che ''visto che nessuna procura intende aprire il fascicolo per attentato allo Stato, il Parlamento ha non solo il diritto, ma specialmente il dovere di cercare la verita' fino in fondo. Sono fatti finora 'ignoti', per usare una definizione di Alfano. Noi avremmo molto da obiettare anche sulla interpretazione minimalista e superficiale dei fatti apparentemente noti, quale e' quella fornita dalla nota del Quirinale. La debolezza politica del governo Berlusconi e della sua maggioranza era palese. Si tratterebbe pero' di approfondire il perche' si trovasse in quelle condizioni. Se cioe' non ci siano stati interventi impropri per determinare scissioni e cambiamenti di casacca''. A Cannes, dice Brunetta, ''era gia' deciso che Monti sarebbe stato presidente del Consiglio. Monti fu fatto senatore a vita, premessa ovvia del suo insediamento al posto del premier voluto dai cittadini, che - ha ragione Napolitano - ''responsabilmente' scelse di evitare che la pistola dello spread alla tempia dell'Italia fosse azionata. Sul ''liberamente' bisogna intendersi. Di certo Berlusconi coscientemente si sacrifico'. Ma la liberta' di un uomo che accetta il plotone di esecuzione da innocente pur di salvare la sua famiglia, non contempla alternative, salvo che per i mascalzoni. La questione e' se chi poteva, magari lo stesso Napolitano, ha fatto di tutto per consentire di evitare quella scelta non proprio prevista dalla Costituzione. La quale non pare contempli il diritto di veto su un Presidente del Consiglio da parte di potenze straniere. Per questo noi reiteriamo la richiesta di votare subito la proposta di istituzione di una Commissione parlamentare d'inchiesta.

Insistiamo ancor piu' oggi, dopo la conferma di Napolitano che nemmeno a lui erano noti i fatti rivelati da Geithner, e che - ne deduciamo - se li avesse conosciuti si sarebbe ribellato. Come ci ribelliamo noi, ''furiosi e disgustati'''.

com-fdv/cam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina