domenica 04 dicembre | 13:47
pubblicato il 03/set/2013 09:44

Berlusconi: Augello, non attenderemo interdizione

Berlusconi: Augello, non attenderemo interdizione

(ASCA) - Roma, 3 set - L'interdizione ''non e' un motivo per fermarsi. Ci sono precedenti in cui le Giunte hanno preso tempi molto lunghi per decidere, ma non perche' c'era di mezzo la pena accessoria da definire''. Lo afferma il senatore del Pdl Andrea Augello, relatore del provvedimento sull'incandidabilita' di Silvio Berlusconi, in un'intervista a Repubblica in cui spiega che ''il ricorso alla Consulta resta aperto''.

''Come relatore ho il dovere di riepilogare i contenuti della difesa e affrontare i nodi della legge Severino'', dice Augello. Sul ricorso alla Consulta da parte della Giunta, ''la questione da affrontare e' se possa farlo in via preliminare o solo in fase di contestazione'', osserva.

Augello dichiara di non aver avuto dubbi di costituzionalita' al momento della votazione della legge.

''Ma non potevo averne - argomenta - perche' la legge conteneva una delega al governo che doveva poi varare un decreto legislativo''.

red-ceg/cam/rl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari