sabato 21 gennaio | 03:06
pubblicato il 19/giu/2011 05:10

Berlusconi attende Pontida e valuta intervento in stessa giornata

Per stoppare Pdl in fibrillazione che teme mosse ministri Lega

Berlusconi attende Pontida e valuta intervento in stessa giornata

Roma, 19 giu. (askanews) - Non se l'aspettava, almeno non così. Silvio Berlusconi, distante da Roma, ha appreso nel pomeriggio del crescendo leghista in vista del raduno di Pontida. Ma soprattutto ha toccato con mano il 'costo' politico delle richieste del Carroccio e di Umberto Bossi, pronto a reclamare quattro ministeri al Nord. Siccome il premier teme che tale mossa possa scatenare una reazione a catena nel Pdl, agitando fino al livello di guardia l'ala romana del partito, e siccome altro ancora di potenzialmente destabilizzante il leader della Lega reclamerà dal palco padano, Berlusconi sta valutando la possibilità di mettere la sordina a eventuali polemiche intervenendo questa sera stessa, pubblicamente. La location è ancora in corso di valutazione. C'è chi pensa a una telefonata pubblica o a un videomessaggio. C'è chi ipotizza invece una vera e propria uscita in pubblico, a Milano o dintorni. Nulla è stato ancora stabilito, in realtà. Molto dipenderà ovviamente dalle parole che Bossi pronuncerà davanti ai militanti leghisti. Il Cavaliere, d'altra parte, dovrà soppesare quel discorso, calibrando e limando a sua volta l'intervento per la verifica Parlamentare al quale sta già lavorando. Oggi, almeno questo lo rincuora, potrà però capire qualcosa in più della geografia leghista, dopo giorni di confusione. E, ascoltando le parole di Bossi, riuscirà anche a capire quale linea prevarrà nel Carroccio. Di certo nel Pdl si teme l'attivismo leghista. Nei giorni scorsi in via dell'Umiltà era circolata la voce, riferita a Berlusconi, di una possibile mossa a sorpresa dei ministri del Carroccio, pronti a consegnare simbolicamente nelle mani di Bossi il mandato in attesa del passaggio parlamentare. Ipotesi, sembra, non confermata da Bossi nel faccia a faccia con Berlusconi. Certo è, però, che oggi il leader della Lega lancerà messaggi forti su fisco e Libia, immigrazione e futuro della coalizione. E, probabilmente, un capitolo il senatùr lo dedicherà direttamente a Berlusconi e al suo destino politico. Poi, per il Cavaliere, sarà il momento di tirare le somme. Di andare in Parlamento, accogliere quanto più possibile delle sollecitazioni leghiste. Rilanciando su alcune riforme, a partire da quella fiscale. Ma anche ribadendo che non esistono alternative a questo governo, di fronte a una nuova prova di responsabilità. Ma ogni riflessione sembra prematura, spiegano dal Pdl, prima occorre ascoltare Bossi. E incrociare le dita.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4