domenica 04 dicembre | 20:12
pubblicato il 18/giu/2011 19:51

Berlusconi attende Pontida. E valuta intervento domani stesso

Per stoppare un Pdl in fibrillazione che teme mosse ministri Lega

Berlusconi attende Pontida. E valuta intervento domani stesso

Roma, 18 giu. (askanews) - Non se l'aspettava, almeno non così. Silvio Berlusconi, distante da Roma, ha appreso nel pomeriggio del crescendo leghista in vista del raduno di Pontida. Ma soprattutto ha toccato con mano il 'costo' politico delle richieste del Carroccio e di Umberto Bossi, pronto a reclamare quattro ministeri al Nord. Siccome il premier teme che tale mossa possa scatenare una reazione a catena nel Pdl, agitando fino al livello di guardia l'ala romana del partito, e siccome altro ancora di potenzialmente destabilizzante il leader della Lega reclamerà dal palco padano, Berlusconi sta valutando la possibilità di mettere la sordina a eventuali polemiche intervenendo domani sera stessa, pubblicamente. La location è ancora in corso di valutazione. C'è chi pensa a una telefonata pubblica o a un videomessaggio. C'è chi ipotizza invece una vera e propria uscita in pubblico, a Milano o dintorni. Nulla è stato ancora stabilito, in realtà. Molto dipenderà ovviamente dalle parole che Bossi pronuncerà davanti ai militanti leghisti. Il Cavaliere, d'altra parte, dovrà soppesare quel discorso, calibrando e limando a sua volta l'intervento per la verifica Parlamentare al quale sta già lavorando. Domani, almeno questo lo rincuora, potrà però capire qualcosa in più della geografia leghista, dopo giorni di confusione. E, ascoltando le parole di Bossi, riuscirà anche a capire quale linea prevarrà nel Carroccio. Di certo nel Pdl si teme l'attivismo leghista. Nei giorni scorsi in via dell'Umiltà era circolata la voce, riferita a Berlusconi, di una possibile mossa a sorpresa dei ministri del Carroccio, pronti a consegnare simbolicamente nelle mani di Bossi il mandato in attesa del passaggio parlamentare. Ipotesi, sembra, non confermata da Bossi nel faccia a faccia con Berlusconi. Certo è, però, che domani il leader della Lega lancerà messaggi forti su fisco e Libia, immigrazione e futuro della coalizione. E, probabilmente, un capitolo il senatùr lo dedicherà direttamente a Berlusconi e al suo destino politico. Poi, per il Cavaliere, sarà il momento di tirare le somme. Di andare in Parlamento, accogliere quanto più possibile delle sollecitazioni leghiste. Rilanciando su alcune riforme, a partire da quella fiscale. Ma anche ribadendo che non esistono alternative a questo governo, di fronte a una nuova prova di responsabilità. Ma ogni riflessione sembra prematura, spiegano dal Pdl, prima occorre ascoltare Bossi. E incrociare le dita.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Viminale assicura: matite copiative sono indelebili
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari