lunedì 23 gennaio | 20:54
pubblicato il 01/feb/2011 17:56

Berlusconi/ Asse Letta-Lega-Colle fa saltare protesta piazza Pdl

Carroccio dubbioso su mobilitazione,Quirinale consiglia prudenza

Berlusconi/ Asse Letta-Lega-Colle fa saltare protesta piazza Pdl

Roma, 1 feb. (askanews) - Prima un'accelerazione, poi una brusca frenata. Si consuma così il 'giallo della piazza' nel Pdl, un "equivoco" frutto non solo di una serie di comunicati stampa in contraddizione tra loro, ma di una triangolazione politico-istituzionale che si è concretizzata nel pomeriggio. Attori della vicenda il premier Silvio Berlusconi, riunito insieme allo stato maggiore del partito a Palazzo Grazioli, la Lega e il Quirinale. Sarebbero stati proprio il Colle e il Carroccio, attraverso due azioni di moral suasion distinte, a stoppare la chiamata alla piazza progettata nel corso del lunghissimo, e non ancora concluso, vertice di Palazzo Grazioli. Riferiscono diverse fonti della maggioranza che la decisione di lanciare una mobilitazione a favore del premier e contro le azioni giudiziarie sarebbe stata presa su indicazione dello stesso Berlusconi, insieme ai coordinatori e i capigruppo del partito. Un piano che doveva scattare davanti a un eventuale via libera del Gip al rito immediato chiesto per il premier dalla Procura di Milano. Dopo la decisione di anticipare l'attacco si sarebbero attivati i canali diplomatici con il Quirinale, che però avrebbe, secondo le stesse fonti, consigliato maggiore prudenza alla maggioranza, in linea con gli appelli degli ultimi giorni del Capo dello Stato preoccupato di un nuovo, durissimo, scontro istituzionale. A far da tramite sarebbe stato, come di consueto, il sottosegretario Gianni Letta, che ha lasciato la residenza romana del premier a vertice in corso. Lo stesso sottosegretario avrebbe espresso più di una perplessità sulla mossa annunciata dal Popolo della libertà con il primo comunicato stampa. Ma, sostengono dalla maggioranza, anche la Lega avrebbe comunicato al Pdl riunito a Grazioli la necessità di non accelerare e di non far salire ulteriormente la tensione a pochissime ore dal delicato passaggio parlamentare sul federalismo, con il rischio di compromettere la difficile opera di mediazione portata avanti da Roberto Calderoli.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
L.elettorale
Salvini: Consulta deve consentire di andare a elezioni a maggio
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4