martedì 21 febbraio | 14:08
pubblicato il 05/lug/2011 17:49

Berlusconi arretra su Lodo Mondadori: 'Norma giusta ma la ritiro'

Annuncio in una nota ufficiale dopo "crociata" delle opposizioni

Berlusconi arretra su Lodo Mondadori: 'Norma giusta ma la ritiro'

Roma, 5 lug. (askanews) - Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, difende la cosiddetta 'norma Lodo' contenuta nella manovra definendola "giusta" e "doverosa" ma, in una nota, ne annuncia il ritiro. "Nell'ambito della cosiddetta manovra - ha spiegato nel comunicato il premier - è stata approvata una norma per evitare attraverso il rilascio di una fideiussione bancaria il pagamento di enormi somme a seguito di sentenze non ancora definitive, senza alcuna garanzia sulla restituzione in caso di modifica della sentenza nel grado successivo". "Si tratta - ha sottolineato Berlusconi - di una norma non solo giusta ma doverosa specie in un momento di crisi dove una sentenza sbagliata può creare gravissimi problemi alle imprese e ai cittadini. Le opposizioni hanno promosso una nuova crociata contro questa norma pensando che, tra migliaia di potenziali destinatari, si potrebbe applicare anche a una società del mio gruppo". "Si è prospettato infatti che tale norma avrebbe trovato applicazione nella vertenza Cir - Fininvest dando così per scontato che la Corte di Appello di Milano effettivamente condannerà la Fininvest al pagamento di una somma addirittura superiore al valore di borsa delle quote di Mondadori possedute dalla Fininvest". "Conoscendo la vicenda ritengo di poter escludere che ciò possa accadere e anzi sono certo che la Corte d'Appello di Milano non potrà che annullare una sentenza di primo grado - ha concluso - assolutamente infondata e profondamente ingiusta. Il contrario costituirebbe un'assurda e incredibile negazione di principi giuridici fondamentali". "Per sgombrare il campo da ogni polemica - ha quindi spiegato il premier - ho dato disposizione che questa norma giusta e doverosa sia ritirata. Spero non accada che i lavoratori di qualche impresa, in crisi perché colpita da una sentenza provvisoria esecutiva, si debbano ricordare di questa vergognosa montatura". Berlusconi, si è poi detto convinto che la Corte d'Appello annullerà la sentenza di primo grado sul Lodo Mondadori in base alla quale Fininvest dovrà pagare alla Cir di De Benedetti un risarcimento di 750 milioni. "Conoscendo la vicenda - ha affermato il premier - ritengo di poter escludere che ciò possa accadere e anzi sono certo che la Corte d'Appello di Milano non potrà che annullare una sentenza di primo grado - ha concluso - assolutamente infondata e profondamente ingiusta. Il contrario costituirebbe un'assurda e incredibile negazione di principi giuridici fondamentali".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia