mercoledì 22 febbraio | 01:26
pubblicato il 09/ott/2012 11:42

Berlusconi annuncia passo indietro: Monti può guidare moderati

Cavaliere: Fini? Servono anche suoi voti per evitare sinistra

Berlusconi annuncia passo indietro: Monti può guidare moderati

Roma, 9 ott. (askanews) - Non "insegue le poltrone" e per non consegnare il Paese alla sinistra "di Fiom, Cgil e Vendola" è pronto a "fare un passo indietro" per favorire l'unità dei moderati di centrodestra. Per la prima volta dalla sua 'discesa in campo' nel 1994 Silvio Berlusconi annuncia di non volersi ricandidare, di essere pronto a cedere la leadership dei moderati ad altri. E pensa a Monti che "è sempre stato nel campo dei moderati". Il Cavaliere spiega di avere già "sondato qualcuno" ma non esclude il Professore. Per l'annuncio sceglie 'Libero' con un colloquio, al ritorno dalla sua trasferta a Mosca per festeggiare i sessant'anni di Putin, intitolato "Lascio e vi spiego perchè". Ed è sempre Maurizio Belpietro che riesce, a tarda notte, come racconta lui stesso, a strappare la promessa di un'intervista telefonica per stamani: a 'Mattino cinque' Berlusconi apre alla possibilità che sia proprio l'attuale premier a guidare il rassemblement di moderati dal quale non può restare fuori nemmeno Fini. Quando i moderati devono fare massa - ragiona Berlusconi - tutti i moderati devono esserci, non si possono sottrarre voti, nemmeno quelli di un singolo partito, è quindi obbligatorio che i moderati siano tutti assieme". Non c'è niente di "nuovo", comunque, nella volontà di fare un passo indietro nè nell'annuncio di ieri del segretario Angelino Alfano che era 'concordato'. "La rottamazione dei vecchi non esiste - spiega il Cavaliere - quello che ieri ha detto Alfano non è una notizia, lo avevo detto io in diverse occasioni. Eravamo al telefono ed io gli ho detto di insistere sull'unione dei moderati e sulla possibilità che io per consetire ciò facessi un passo indietro". Perchè se "Casini e Montezemolo per dar vita a un nuovo schieramento con il Pdl non vogliono Berlusconi, Berlusconi si toglie dalle scatole" chiosa. Per Berlusconi "non c'è trucco nè possibilità di ripensamento" ma c'è un grande lavoro da fare per unire i moderati che poi dovranno "scegliere tutti insieme il loro leader". Intanto il Pdl cambierà simbolo perchè "popolo della libertà è un bel nome, ma l'acronimo Pdl non comunica nessuna emozione".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia