lunedì 05 dicembre | 00:04
pubblicato il 22/ago/2013 11:48

Berlusconi: Alfano, Pd non pronunci sentenza politica

(ASCA) - Rimini, 22 ago - Sul voto in giunta al Senato per la decadenza di Silvio Berlusconi, ''il Pd non voti contro l'avversario di sempre, il loro nemico storico''. E' l'invito che il vice premier e ministro dell'Interno, Angelino Alfano, rivolge al Pd sul tema della decadenza di Berlusconi dopo la condanna confermata dalla Corte di Cassazione. ''Chiediamo che la vicenda della decadenza - continua Alfano a margine del Meeting di Rimini - venga trattata come se riguardasse uno dei senatori. Il Pd deve approfondire la questione giuridica nel merito e non pronunciare una sentenza politica sull'avversario storico''.

Sul tema della decadenza, Alfano mette in rilievo che ''ci sono giuristi indipendenti e che vengono dall'area culturale della sinistra che sostengono un principio che regge tutti gli ordinamenti democratici e cioe' che le norme afflittive e punitive, sia amministrative che penali, non si possono applicare al passato. Per questo ribadiamo la nostra richiesta al Pd''.

did/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari