domenica 11 dicembre | 07:07
pubblicato il 27/apr/2012 20:41

Berlusconi al Colle dà sponda su governo. E la cerca su processi

Cav. chiede più crescita. Incontro con Pisanu irrita ex An

Berlusconi al Colle dà sponda su governo. E la cerca su processi

Roma, 27 apr. (askanews) - Un incontro, come sempre, nato sotto la regia di Gianni Letta. Anche se da quando Silvio Berlusconi ha accettato di farsi da parte, i contatti telefonici tra lui e Giorgio Napolitano sono stati piuttosto assidui. E sì che il clima tra i due è cambiato, e molto, dai tempi in cui il Cavaliere sedeva a palazzo Chigi. Ciò che non è cambiato è l'impellente voglia del leader Pdl di sfogarsi dei suoi guai giudiziari. Così era e così è stato anche nel pranzo di circa un'ora che si è tenuto oggi al Quirinale. Con Napolitano, Berlusconi si sarebbe lamentato - magari in cerca di una sponda - della recente escalation mediatico-giudiziaria, dei giudici che non gli danno tregua nemmeno ora che ha lasciato il governo, per non parlare delle intercettazioni del processo Ruby pubblicate a puntate, guarda caso, da 'Repubblica'. Ciononostante, dal Quirinale il clima del colloquio viene definito "collaborativo". Anche perché il capo dello Stato - viene spiegato - considera il Cavaliere un perno importante per la tenuta della 'strana maggioranza' che regge il governo Monti. Inevitabile dunque che nel colloquio si tornasse su quella previsione, fatta appena qualche giorno fa dall'ex premier, su un possibile voto a ottobre (per volontà del Pd). Alla prima carica dello Stato Silvio Berlusconi avrebbe ribadito che non è certo intenzione del Pdl mettere i bastoni tra le ruote dell'esecutivo dei Professori, ma che questo non vuol dire esimersi dal difendere i temi-roccaforte per il suo elettorato: anche in questo senso, viene riferito, il Cavaliere avrebbe spiegato l'ultimatum lanciato ieri dal capogruppo al Senato, Maurizio Gasparri, sulla riforma del lavoro. Come a dire: una minaccia, ma niente di serio. Al Colle il Cavaliere ha assicurato che il Pdl non intende far cadere il governo. E questo, come è evidente, non soltanto per buona volontà ma anche perché eventuali elezioni in autunno rischiano di essere per il partito una debacle. Berlusconi, invece, ha bisogno di tempo per cercare di aggregare un'area moderata al centro. Nessun ruolo istituzionale per lui, come va ripetendo ai suoi interlocutori, ma di certo punta a rimanere sulla scena per poter, in qualche modo, continuare a 'dare le carte'. Al netto delle rassicurazioni sul sostegno a Monti, al Colle l'ex premier ha tuttavia fatto presente anche la necessità che il governo cambi marcia: troppe tasse e poca crescita, è il suo refrain. Secondo Berlusconi finora è stata seguita troppo la linea del rigore imposta dalla Germania e un eventuale aumento dell'Iva al 23% non farebbe altro che deprimere ancora di più i consumi. Allo stesso tempo il Cavaliere avrebbe garantito l'impegno del Pdl per una riforma delle istituzioni e della legge elettorale: tema quest'ultimo sollecitato il 25 aprile proprio dal capo dello Stato. D'altra parte Berlusconi ha avuto gioco facile nel dire che semmai è il Pd a non voler modificare il sistema di elezioni perchè, con i sondaggi che ha ora, sarebbe favorita dal 'porcellum'. In realtà, i problemi il leader Pdl ce li ha anche in casa visto che gli ex An avversano fortemente l'innamoramento del Cavaliere per un sistema alla tedesca. E non solo, visto che molto si sarebbero alterati gli ex finiani per quanto emerso dall'incontro tra lo stesso Berlusconi e Pisanu. Quest'ultimo, d'altra parte, sponsorizza un ponte verso il terzo polo che rimetterebbe in campo non solo Casini, ma anche Fini. Un nervo scoperto.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina