domenica 26 febbraio | 11:47
pubblicato il 28/apr/2016 20:11

Berlusconi a Roma svolta su Marchini e si rimetta al centro

Decisivi ruolo aziende e leadership alleanza. Fi al bivio su lista: correre o no per il Campidoglio?

Berlusconi a Roma svolta su Marchini e si rimetta al centro

Roma, 28 apr. (askanews) - Quando i big azzurri varcano la soglia di palazzo Grazioli è già tutto fatto, tutto deciso. In quelle stesse stanze, poco prima, una stretta di mano tra Silvio Berlusconi e Alfio Marchini sanciva l'intesa che all'atto pratico porta Forza Italia a mollare Guido Bertolaso e ad appoggiare la corsa dell'imprenditore a sindaco di Roma. Ma ancora di più, sul piano politico, riavvicina l'ex premier al centro moderato e lo allontana dall'asse lepenista di Giorgia Meloni e Matteo Salvini.

Sin dall'inizio di questa storia, d'altra parte, dietro la corsa al Campidoglio si è sempre nascosta la contesa per la leadership del centrodestra. Il Cavaliere si è sentito insidiato dai "ragazzotti", per questo all'inizio ha insistito sull'ex capo della Protezione civile. Ma quei sondaggi così poco confortanti lasciavano poche speranze di rivalsa. Ed ecco la decisione di cambiare cavallo, supportata da metà degli azzurri ma soprattutto dal 'partito-azienda', che ha sempre mal visto lo slittamento a destra dell'alleanza. E poi, c'è stata quella classica goccia che ha fatto traboccare il vaso, l'affondo di Salvini dritto al cuore degli interessi (e dunque della famiglia). Quella frasi sul Berlusconi "preoccupato di lasciare ai figli aziende sane e rigogliose" non è andata giù né al Cavaliere, né ai suoi figli e manager.

Quando ieri sera Guido Bertolaso ha incontrato l'ex premier a palazzo Grazioli, il quadro era già mutato. Le gaffe del candidato, quel suo dirsi disponibile a fare da assessore per una Giunta Giachetti o Raggi, non avevano fatto altro che consolidare la svolta. I segnali c'erano da giorni: prima di tutto la lettera scritta da Berlusconi al 'Giornale' che ricollocava prepotentemente Forza Italia tra i moderati, poi l'intervista in cui Pier Ferdinando Casini lo invitava a riunire il centro.

Una decisione che non trova tutti d'accordo nel partito. Anche se, alla fine, l'unico a palesare un certo malumore durante il pranzo a palazzo Grazioli è stato Giovanni Toti, tra i maggiori fautori di una convergenza sulla candidatura di Giorgia Meloni in nome dell'unità del centrodestra. "C'è un problema strategico - avrebbe detto - perché l'alleanza rischia di essere compromessa e invece ci permette di governare, come accade in Liguria. Ora bisogna affrontare il dopo". Una linea sulla quale non lo ha seguito, però, Paolo Romani che pure lo aveva spalleggiato fino al giorno prima. "Presidente - è stato l'esordio del capogruppo al Senato durante la riunione - hai fatto la migliore scelta possibile". E anche Altero Matteoli, pure lui favorevole a un accordo con Lega e Fdi, avrebbe ammesso che "di fronte a quegli attacchi alla tua famiglia, ormai non potevi fare diversamente. Ora però dobbiamo ricostruire Forza Italia", avrebbe aggiunto.

Berlusconi avrebbe riferito di essere rimasto sveglio fino alle 4 di notte per chiudere l'intesa. "Marchini - ha detto - era la nostra prima scelta dall'inizio, è una persona perbene, ha appeal e feeling con la città. Bertolaso è stato generoso ma anche poco cauto in certe uscite".

Se scontenti ci sono in Forza Italia, insomma, in questo frangente stanno facendo buon viso a cattivo gioco. Anche perché l'ex premier avrebbe definito il caso romano come una sorta di "incidente di percorso". Adesso, però, bisogna decidere se Forza Italia si presenterà o meno con il proprio simbolo a Roma visto che Marchini ha fatto dello slogan "liberi dai partiti" un pilastro della sua candidatura. L'ipotesi è infatti quella di una lista unica, anche se non è caldeggiata dai vertici locali. Altra ipotesi è quella di candidare Alessandra Mussolini capolista.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Lavoro
Renzi: ruolo Stato non è offrire reddito ma lavoro di cittadinanza
Pd
Orlando: mi candido per guidare il Pd, non contro qualcuno
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech