sabato 25 febbraio | 10:58
pubblicato il 16/mar/2011 18:50

Berlusconi a Colle senza rimpasto:dubbi su Romano e troppe nomine

Napolitano frena su moltiplicazione poltrone. Responsabili,è caos

Berlusconi a Colle senza rimpasto:dubbi su Romano e troppe nomine

Roma, 16 mar. (askanews) - Erano stati allertati, sicuri di essere a un passo dalla nomina. E invece Saverio Romano e Giancarlo Galan, anche stavolta, hanno dovuto rimandare l'appuntamento con il ministero, dopo il colloquio mattutino fra il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e il premier Silvio Berlusconi. Hanno pesato - riferiscono fonti del Pdl - i veti incrociati nella componente sempre più litigiosa dei Responsabili, ma anche i dubbi del Quirinale sulla soluzione annunciata alla vigilia, che prevedeva l'ascesa di Romano all'Agricoltura e di Galan ai Beni culturali. Oltre che sulla 'moltiplicazione delle poltrone'. Le tensioni, fra le varie anime della terza gamba della maggioranza, sono palpabili da settimane. E sono emerse anche ieri, nei contatti tra i Responsabili e il Cavaliere. Il messaggio recapitato è stato chiaro: tutti hanno diritto di essere rappresentati, altrimenti in Parlamento ciascuno avrà mani libere. E così Berlusconi ha scelto di salire al Colle chiedendo al Presidente della Repubblica qualcosa che Napolitano difficilmente avrebbe potuto accettare, un maxi allargamento con l'ingresso contestuale di nuovi ministri e sottosegretari nella compagine dell'esecutivo. Un messaggio, quello della 'moltiplicazione delle poltrone', considerato da Napolitano poco indicato, soprattutto in questa fase. Così come non sarebbe piaciuta a Napolitano l'ipotesi di spacchettare qualche ministero per consegnare a esponenti della maggioranza nuove caselle. E comunque c'è un 'tetto' stabilito per legge all'allargamento della compagine di governo: se lo si vuole superare è necessario cambiare la normativa con un ddl. Ma un altro granello sembra aver inceppato l'ingranaggio, sempre secondo quanto riferiscono le stesse fonti di maggioranza. Si tratta delle perplessità del Capo dello Stato, già anticipate da alcune ricostruzioni giornalistiche giorni addietro, rispetto alla scelta di Romano al ministero dell'Agricoltura, a causa dell'indagine che l'ha coinvolto a Palermo dopo le dichiarazioni di Massimo Ciancimino. Questione che sarebbe stata fatta presente allo stesso Silvio Berlusconi. Riferiscono fonti del Pdl che la reazione di Romano sarebbe stata molto dura, rendendo ancora più confusa la situazione nella maggioranza, già provata dal 'caso' Scajola e dal pressing delle altre anime dei responsabili. Ed è cronaca parlamentare l'assenza in Aula di tre dei sei deputati del Pid, stasera a Montecitorio, che ha messo a repentaglio la tenuta della maggioranza, 'salvata' poi dal radicale Beltrandi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Pd
Pd, commissione unanime: primarie 30 aprile. Renziani: via alibi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech