domenica 04 dicembre | 16:09
pubblicato il 12/giu/2014 18:29

Berlinguer: Boldrini, su questione morale fece denuncia...(1 upd)

(ASCA) - Roma, 12 giu 2014 - Il discorso di Enrico Berlingier ''sulla questione morale fu una denuncia, non una predica.

Una denuncia precisa e circostanziata di cio' che stava accadendo nel sistema politico italiano e nel modo di essere dei partiti. Qualcosa che poi esplose, con il nome di ''tangentopoli'', non molti anni dopo la sua morte''. Lo afferma la presidente della Camera Laura Boldrini intervenendo a Montecitorio al convegno su Enrico Berlinguer a 30 anni dalla scomparsa.

Boldrini ricorda che Berlinguer ''vide questi problemi e propose un radicale rinnovamento. Questo suo messaggio e' ancora oggi di straordinaria attualita' e va rilanciato con forza''.

Trent'anni, dice Boldrini, ''sono davvero tanti. L'Italia e' un paese molto diverso da quello in cui visse Enrico Berlinguer. Questa differenza balza agli occhi guardando il filmato che abbiamo appena visto - per la cui realizzazione ringrazio RAI Storia - o il film di Walter Veltroni che abbiamo proiettato qui alla Camera due sere fa. Eppure - continua - la figura di Berlinguer e' ancora oggi circondata da tanto affetto, da stima, rispetto e dall'apprezzamento per il suo pensiero e per le sue azioni. Sono tante le iniziative editoriali (tra cui mi fa piacere ricordare quella della Camera, che sara' prossimamente presentata), culturali, di riflessione storica promosse in occasione di questo anniversario e c'e' appunto, nel ricordarlo, tanta commozione. E questo e' raro che accada nei confronti di un esponente politico''.

Le immagini dei funerali, rileva Boldrini, ''ci dicono che quell'Italia sapeva di aver perso non soltanto un uomo politico onesto ma uno dei suoi figli migliori. E il peso di questa perdita lo si sente ancora oggi. Per quelli della mia generazione, nati negli anni sessanta - sottolinea - Berlinguer e' stato una figura di grande interesse.

Colpiva il suo rigore morale. Un rigore che imponeva a se stesso e che pretendeva giustamente anche dal suo partito e dall'intero mondo politico''.

Per Boldrini ''c'era un'altra qualita' di Enrico Berlinguer, oltre a quella del rigore etico, che era e continua ad essere apprezzata: la capacita' di coniugare la fermezza delle proprie convinzioni con una vera apertura verso altre culture ed altre esperienze sociali. Lui, orgoglioso delle proprie idee e della propria appartenenza, seppe costruire un dialogo sincero e profondo con il mondo cattolico, fu attento osservatore di cio' che si muoveva nell'universo giovanile, nei movimenti pacifisti ed ecologisti, fu il protagonista di un'apertura straordinaria, non ovvia, del suo partito alle tematiche dei movimenti femminili e femministi''.

Gli anni della segreteria di Berlinguer sono quelli di una ''importante stagione di conquiste sociali e civili fortemente volute dalle donne italiane'', ricorda la presidente della Camera come l'introduzione del divorzio, il nuovo diritto di famiglia, la legge sull'interruzione volontaria della gravidanza. ''Il partito comunista, insieme ad altre forze politiche - prosegue - fu protagonista della elaborazione di queste riforme e della loro difesa nelle campagne referendarie del 1974 e del 1981. E quasi a simboleggiare il valore di questo impegno giunse proprio in quel periodo, nel 1979, l'elezione, per la prima volta, di una donna alla Presidenza della Camera e si trattava di Nilde Jotti''.

Secondo Boldrini un altro argomento centrale dell'azione di Berlinguer ''e' stato quello della sua politica internazionale. Anche in questo ambito - sottolinea - mostro' spirito innovativo e capacita' di apertura. Si adopero' innanzitutto per rinnovare il campo di cui la sua forza politica faceva parte, con l'eurocomunismo, con il suo discorso sul valore universale della democrazia, con lo strappo dall'Unione Sovietica dopo il colpo di Stato in Polonia del 1981. Allaccio' rapporti con le socialdemocrazie europee e con i movimenti di liberazione del Sud del mondo.

Fu al fianco di tanti giovani nelle mobilitazioni per la pace fino al discorso che fece qui, nell'aula di Montecitorio, nel 1983, in cui propose, come atto di responsabilita' a tutte le parti in causa, una moratoria nell'istallazione dei missili Nato a Comiso e lo smantellamento degli SS-20 sovietici''.

A poco piu' di due settimane dal voto per il Parlamento europeo, evidenza la presidente di Montecitorio, ''non possiamo non ricordare che la vita di Berlinguer fu stroncata proprio mentre faceva un comizio per le elezioni europee del 1984. Quel partito, che aveva votato contro la ratifica dei trattati di Roma, era poi diventato un partito compiutamente europeista. Prima alla Camera e poi nel 1979 al Parlamento europeo, aveva eletto come indipendente Altiero Spinelli, l'ispiratore del sogno e del progetto federalista.

So bene che, come tutti i leader politici che lasciano un segno nella storia, anche la figura di Berlinguer ha suscitato e suscita discussioni e contrasti. E' naturale che sia cosi'. Ma c'e' una cosa sulla quale tutti sono d'accordo, anche i suoi critici piu' severi - conclude - era una persona onesta, che ha impegnato tutta la sua vita nella politica, scevro da interessi e convenienze personali, mosso soltanto dai suoi ideali e dalla volonta' di migliorare le condizioni dei lavoratori e del suo paese, di contribuire a rendere compiuta la nostra democrazia. Cosi' tanti italiani lo ricordano e lo rimpiangono''.

fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari