domenica 04 dicembre | 01:35
pubblicato il 05/mag/2012 07:41

Bergamo/ Bossi: Martinelli è "monito a Roma, attenti canaglie"

Equitalia: il debito è di duemila euro, non 44mila

Bergamo/ Bossi: Martinelli è "monito a Roma, attenti canaglie"

Monza, 5 mag. (askanews) - Il caso di Luigi Martinelli, l'imprenditore che a Bergamo due giorni fa ha assalito la sede di Equitalia prendendo inizialmente in ostaggio 15 persone, è "un monito a Roma che la gente del Nord si è rotta le balle: state attenti canaglie"l congresso federale di fine giugno "bisogna andare con lo spirito giusto, non con lo spirito di fare le guerre di litigare fra noi". Così Umberto Bossi nel comizio di chiusura della campagna elettorale a Monza a sostegno del sindaco uscente Marco Mariani. "Avete i magistrati, ci potete mettere in galera - ha proseguito il presidente della Lega - ma noi vivremo in attesa di agire, di dare la bastonata finale al sistema, al regime del centralismo romano". Martinelli, ha aggiunto "Era andato lì il giorno prima e diceva se poteva pagare a rate: l'hanno preso a calci in culo, è per questo che ha fatto la manifestazione che ha fatto". "Gli ha fatto vedere che gli uomini, anche se non hanno i soldi per pagare le tasse ingiuste non vanno presi a calci". Il debito di Martinelli con Equitalia sarebbe stato di 44mila euro secondo l'imprenditore. L'agenzia delle entrate smentisce: si trattava di duemila euroe, somma "relativa a canoni Rai e imposte richieste dal Consorzio di bonifica della Media Pianura Bergamasca. Per tali debiti Equitalia non ha attivato alcuna azione esecutiva di recupero". A parlare con Martinelli sono stati proprio due leghisti, il.senatore Roberto Calderoli, coordinatore delle segreterie della Lega Nord, e il deputato Giacomo Stucchi che lo hanno incontrato Martinelli nel carcere di Bergamo dove è recluso. Calderoli e Stucchi cavalcano la situazione e pur "condannando fermamente l'azione messa in atto da Martinelli, azione che ha portato al coinvolgimento di tante persone estranee alla sua vicenda e al conseguente choc da esse subito", spiegano di aver deciso di incontrare Martinelli anche "per testimoniare personalmente la loro vicinanza rispetto a cittadini che, come lui, si trovano in situazioni di questo genere". Causate, si legge nella nota, "anche dall'esasperazione nei confronti di uno Stato che sembra veramente considerare il cittadino solo alla stregua di un suddito da spremere. Intanto durante il colloquio è emerso che il Martinelli aveva un debito non per 1000 euro, dunque una cifra esigua, come scritto dai media, ma di 44mila euro, dunque una cifra ben più consistente". I leghisti hanno anche messo a disposizione dell'imprenditore "un avvocato di fiducia, individuato nella persona di Matteo Brigandì". In serata però Equitalia è tornata a ribadire che il debito di Martinelli sarebbe ben più esigua: "la somma - si legge in una nota - ammonta a circa 2 mila euro Aqu 050733 MAG 12

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari