mercoledì 07 dicembre | 23:38
pubblicato il 05/set/2013 17:24

Bce: Brunetta, bene Draghi. Finalmente svelato grande imbroglio spread

Bce: Brunetta, bene Draghi. Finalmente svelato grande imbroglio spread

(ASCA) - Roma, 5 set - ''A Roma direbbero ''Quando ce vo' ce vo''. Bene le dichiarazioni del presidente della Bce, Mario Draghi, in conferenza stampa a Francoforte, sui rendimenti dei Bund e sul sistema bancario tedesco. Finalmente comincia a svelarsi il grande imbroglio dello spread''. Lo dichiara in una nota Renato Brunetta, presidente dei deputati del Pdl.

''Come abbiamo avuto modo di dire piu' volte, rendimento dei Bund e sistema bancario tedesco sono legati a doppio filo. E proprio dalle banche tedesche e' cominciata la partita della crisi dell'eurozona. Se andiamo ad analizzare cronologicamente l'inizio della bufera finanziaria, infatti, vediamo come, per quanto riguarda il nostro paese, la corsa a rialzo dei rendimenti dei titoli di Stato (n.b.: i rendimenti, che si formano sul mercato primario delle aste e determinano il servizio del debito, quindi il costo per la finanza pubblica, e non gli spread, che si formano sul mercato secondario e riguardano transazioni tra privati) sia cominciata a giugno 2011, ma in realta' la tempesta perfetta si stava preparando gia' qualche mese prima. Tra febbraio e maggio 2011, c'e' stata calma piatta sui mercati, che hanno visto i rendimenti dei titoli decennali tedeschi stabili attorno al 3,28%, livello massimo di quegli anni, e i rendimenti dei BTP italiani ugualmente stabili, tra il 4,73% e il 4,84%, con 150 punti base circa di differenza (spread). Calma piatta, dunque, con una sola avvertenza - puntualizza Brunetta -: i rendimenti dei titoli del debito pubblico della Germania erano su una curva ascendente. E alto rendimento dei Bund significava deprezzamento del loro valore e conseguente necessita' di ricapitalizzazione per gli istituti di credito tedeschi. L'aumento dei rendimenti dei titoli pubblici, insieme con il dubbio valore dei titoli tossici e delle perdite sui titoli greci nei portafogli delle banche tedesche, da una parte, e le regole stringenti di Eba e Basilea 3, dall'altra, hanno generato una situazione di forte tensione nel sistema finanziario privato tedesco, che, con l'appoggio implicito del proprio governo, ha reagito trasferendo la propria crisi potenziale sui paesi piu' deboli dell'eurozona. Vendendo e dando indicazioni generalizzate di vendita dei titoli del debito sovrano, prevalentemente greci e italiani, sul mercato secondario, al fine di aumentarne i rendimenti sul mercato primario''. ''Il Bund tedesco e' diventato cosi' ''bene rifugio': la domanda di titoli e' aumentata, i prezzi sono cresciuti e i rendimenti, inversamente proporzionali ai prezzi, sono diminuiti. Proprio quei rendimenti che il presidente Draghi oggi definisce ''artificialmente bassi''. Ecco svelato finalmente il trucco'', conclude Brunetta.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni