martedì 21 febbraio | 13:17
pubblicato il 09/mar/2015 15:35

Battista a ex colleghi: entriamo al governo e chiediamo ministero

"Potrebbe anche essere ricoperto da un tecnico"

Battista a ex colleghi: entriamo al governo e chiediamo ministero

Roma, 9 mar. (askanews) - "Cari amici, è passato un anno da quando in quattro fummo espulsi dal gruppo parlamentare M5s, altri cinque colleghi interruppero forzatamente il rapporto pentastellato solo perché annunciarono le dimissioni dal Senato in segno di protesta alle modalità della nostra espulsione". Inizia con queste parole una lettera aperta agli ex parlamentari del Movimento 5 stelle firmata da Lorenzo Battista, senatore che ora siede nel gruppo misto, e pubblicata sul suo profilo Facebook.

Battista suggerisce quindi la "costituzione di un gruppo che ambisce a entrare in maggioranza con un'eventuale richiesta di avere un dicastero la cui direzione potrebbe anche essere ricoperta da un tecnico".

Battista ricostruisce quello che è avvenuto nell'ultimo anno osservando che "le espulsioni e gli abbandoni dal M5s hanno causato l'ingresso nel gruppo misto che ora conta ben 29 senatori". "Credo - aggiunge rivolgendosi ai suoi ex colleghi - siate ben consapevoli della sua gestione e delle difficoltà che avete nel supporto delle vostre attività. Il gruppo misto non è stato ideato per accogliere quella che ora al Senato è una così ampia rappresentanza".

"Con questo mio appello mi permetto di segnalarvi alcuni possibili percorsi per cercare di costruire una migliore collocazione. Si dovrebbero mettere da parte alcuni dissidi che si sono venuti a creare, e costituire un gruppo al Senato - spiega -. Ritengo che si potrebbero superare le difficoltà che si sono presentate. Se ognuno facesse un piccolo passo indietro e riuscisse a rinunciare alle proprie ostinazioni ideologiche, l'obiettivo sarebbe alla portata di tutti".

"Al fine di superare le difficoltà per una stesura di un programma politico - conclude Battista -, ogni componente potrebbe presentare un punto di programma per ogni commissione e iniziare una trattativa per chiedere che questi punti vengano inseriti nell'agenda del governo o in quella parlamentare".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia