giovedì 08 dicembre | 23:19
pubblicato il 29/gen/2014 12:00

Barroso-Letta:stabilità garantisce fiducia in decisioni Italia

Il premier: instabilità è più grande nemica della competitività

Barroso-Letta:stabilità garantisce fiducia in decisioni Italia

Bruxelles, 29 gen. (askanews) - L'Italia, con il governo Letta, "è arrivata vicina al traguardo, ma la maratona non è finita, non bisogna distrarsi, perché non venga di nuovo erosa la fiducia dei mercati". Lo ha detto il presidente della Commissione europea, José Manuel Barroso durante la conferenza stampa con il premier Enrico Letta, al termine della riunione congiunta dell'Esecutivo Ue con una delegazione del governo italiano oggi a Bruxelles, in cui ha perorato "una maggiore stabilità politica" che permetta di portare a termine "la maratona". Lo stesso Letta, poco dopo, ha tessuto l'elogio della stabilità politica: "Per la stabilità lavoro fin dall'inizio" del mandato del governo, ha ricordato, dicendosi poi "convinto che sia un valore in sé stessa, e che l'instabilità sia, invece, la più grande nemica della competitività". "L'Italia, grazie agli sforzi del governo e degli italiani, è stata capace - ha ricordato Barroso - di uscire dalla procedura Ue per deficit eccessivo, ristabilendo la fiducia dei mercati, e poi, sotto la leadership di Letta, ha preso decisioni importanti" per risanare i conti pubblici, mantenere un avanzo primario, attivare le prime misure per la "Youth Guarantee" per il lavoro o la formazione dei giovani disoccupati, e ripagare il debito arretrato delle Pubbliche Amministrazioni con le imprese. Ma ci sono ancora due cose fondamentali che il Paese deve fare, ha sottolineato il presidente della Commissione: "Ridurre l'enorme montagna del debito pubblico e sbloccare il suo potenziale di crescita". E l'azione del governo, così come Letta ne ha riferito alla Commissione "va nella direzione giusta", e l'Esecutivo Ue "spera che ci possa essere una maggiore stabilità a favore di questo governo" e delle sue politiche di consolidamento. "Non sta a me pronunciarmi - ha detto ancora Barroso - sulle riforme politiche (ovvero le riforme istituzionali sulla legge elettorale, il bicameralismo e il titolo V della Costituzione, ndr), su cui le decisioni spettano al Parlamento sovrano; ma tutte le riforme che aumentano le possibilità di stabilità sistemica sono molto importanti. Quando in Italia c'è una crisi politica si pone subito un problema di fiducia, c'è un'estrema reattività dei mercati e degli investitori e si vede un'impennata degli spread, e questo accade anche negli altri paesi come il mio, il Portogallo". "Per questo - ha proseguito il presidente della Commissione - noi dobbiamo appoggiare politicamente tutte le riforme che, con decisioni democratiche, garantiscono la stabilità strutturale di un paese, affinché gli altri paesi e gli investitori possano avere fiducia delle decisioni prese, e nel fatto che saranno attuate nel lungo termine". "Ho vissuto - ha ricordato Barroso - i momenti estremamente difficili in cui c'erano dubbi sull'Italia e si pensava di metterla sotto tutela del Fondo monetario internazionale. Non mi pronuncio su quale sia la migliore riforma, ma la stabilità, la prevedibilità sistemica, è importante per garantire fiducia, crescita, lavoro", ha concluso il presidente della Commissione

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni