mercoledì 18 gennaio | 19:42
pubblicato il 13/dic/2015 13:52

Banche, Renzi: da governo nè favoritismi nè scheletri armadio

"Rifarei domani quel decreto. Sì a inchiesta senza intoccabili"

Banche, Renzi: da governo nè favoritismi nè scheletri armadio

Firenze, 13 dic. (askanews) - "Non abbiamo scheletri nell'armadio, diciamo sì alla commissione di inchiesta" sul caso delle banche salvate, "siamo stati noi a fare il decreto". Lo ha detto il premier Matteo Renzi dalla Leopolda. "Potete dirci tutto ma non che ci sono favoritismi in questo governo, quel decreto lo rifarei domattina" ha sottolineato.

Perchè senza il decreto sulle banche "avremmo un milione di conti correnti chiusi, avremmo 7mila licenziati. Non prendiamoci in giro, la verità è più forte delle chiacchiere". Poi "chi ha truffato sarà individuato, e chi ha sbagliato pagherà. Non ci sono mai stati intoccabili".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fca
Fca,Gentiloni a Merkel: omologazione spetta a autorità italiane
Brexit
Brexit,Gentiloni:May fa chiarezza, Ue pronta a discutere con Gb
Terremoti
Terremoto, Boschi segue situazione. In contatto con Curcio e Errani
Scuola
Mattarella: scuole hanno ruolo fondamentale anche all'estero
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina