lunedì 05 dicembre | 01:31
pubblicato il 13/dic/2015 13:52

Banche, Renzi: da governo nè favoritismi nè scheletri armadio

"Rifarei domani quel decreto. Sì a inchiesta senza intoccabili"

Banche, Renzi: da governo nè favoritismi nè scheletri armadio

Firenze, 13 dic. (askanews) - "Non abbiamo scheletri nell'armadio, diciamo sì alla commissione di inchiesta" sul caso delle banche salvate, "siamo stati noi a fare il decreto". Lo ha detto il premier Matteo Renzi dalla Leopolda. "Potete dirci tutto ma non che ci sono favoritismi in questo governo, quel decreto lo rifarei domattina" ha sottolineato.

Perchè senza il decreto sulle banche "avremmo un milione di conti correnti chiusi, avremmo 7mila licenziati. Non prendiamoci in giro, la verità è più forte delle chiacchiere". Poi "chi ha truffato sarà individuato, e chi ha sbagliato pagherà. Non ci sono mai stati intoccabili".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari