domenica 04 dicembre | 11:41
pubblicato il 28/mar/2011 18:45

Bagnasco:Basta reclamizzare e recriminare,a Italia serve dialogo

Paese ha estremo bisogno ricomporsi.Politica sia seria e concreta

Bagnasco:Basta reclamizzare e recriminare,a Italia serve dialogo

Roma, 28 mar. (askanews) - "C'è bisogno che tutti agiamo senza troppo reclamizzare e senza continuamente recriminare": lo ha detto il card. Angelo Bagnasco, presidente dei vescovi italiani, in un passaggio della prolusione al Consiglio permanente della Cei dedicata alla politica italiana. "L'Italia ha un estremo bisogno di ricomporsi, quasi raccogliendosi in se stessa e radunando le proprie energie migliori, per metterle tutte in circolo e produrre un passo in avanti, fuori dagli immobilismi come dai proclami apodittici", ha detto Bagnasco. "Non tocca a noi Vescovi - ha sottolineato - suggerire spinte di tipo politico, e dunque neppure di misurare i tempi o cadenzare i passi della comunità civile. Possiamo invece ricordare a tutti le conclusioni tratte da quanto ogni giorno osserviamo: il Paese ha un insopprimibile bisogno che si parta dai dati della realtà". Per l'arcivescovo di Genova, in questo senso, "c'è bisogno di una riflessione partecipata, al fine di scegliere e rispondere. C'è bisogno che tutti agiamo senza troppo reclamizzare e senza continuamente recriminare, avendo il gusto di stupire la comunità nazionale per il fervore dell'impegno, per la capacità di dialogo, per l'efficacia delle azioni, utilizzando al meglio tempi, spazi, occasioni". "Più che di scomuniche reciproche, la collettività ha bisogno - ha affermato ancora Bagnasco - di una seria dialettica, che esalti i ruoli a ciascuno affidati dal cittadino-elettore. E' a partire dall'applicazione alle urgenze congiunturali, che è preferibile recuperare - tessera dopo tessera - il mosaico di una visione, di cui pure si sente la necessità: la visione cioè di dove stiamo andando, e perché dobbiamo affrontare determinati sacrifici. In questa stagione, tuttavia, conviene farsi guidare anzitutto dal criterio della concretezza: essa dà credibilità".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari