sabato 21 gennaio | 23:25
pubblicato il 03/apr/2014 15:27

Bagnasco: "Reato di clandestinità non risolve i problemi"

Pres. Cei: "Fenomeno immigrazione va affrontato a livello Ue"

Bagnasco: "Reato di clandestinità non risolve i problemi"

Genova, 3 apr. (askanews) - Il reato di clandestinità "non risolve dei problemi umani gravissimi. Con delle forme così restrittive e punitive non credo che si possano affrontare i problemi umani e sociali di questo tipo perché non si costruisce nulla". Lo ha affermato il presidente della Cei e arcivescovo di Genova, cardinale Angelo Bagnasco, parlando con i giornalisti del via libera della Camera al disegno di legge per l'abolizione del reato di immigrazione clandestina, a margine della tradizionale messa pasquale negli stabilimenti di Ansaldo Energia. "Bisogna ricordare -ha aggiunto il presidente della Cei- che il fenomeno dell'immigrazione, che probabilmente continuerà, è una questione che l'Europa deve affrontare nel suo insieme, non l'Italia da sola", ha dichiarato Bagnasco.

Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4