martedì 06 dicembre | 17:01
pubblicato il 03/apr/2014 15:27

Bagnasco: "Reato di clandestinità non risolve i problemi"

Pres. Cei: "Fenomeno immigrazione va affrontato a livello Ue"

Bagnasco: "Reato di clandestinità non risolve i problemi"

Genova, 3 apr. (askanews) - Il reato di clandestinità "non risolve dei problemi umani gravissimi. Con delle forme così restrittive e punitive non credo che si possano affrontare i problemi umani e sociali di questo tipo perché non si costruisce nulla". Lo ha affermato il presidente della Cei e arcivescovo di Genova, cardinale Angelo Bagnasco, parlando con i giornalisti del via libera della Camera al disegno di legge per l'abolizione del reato di immigrazione clandestina, a margine della tradizionale messa pasquale negli stabilimenti di Ansaldo Energia. "Bisogna ricordare -ha aggiunto il presidente della Cei- che il fenomeno dell'immigrazione, che probabilmente continuerà, è una questione che l'Europa deve affrontare nel suo insieme, non l'Italia da sola", ha dichiarato Bagnasco.

Gli articoli più letti
Governo
Alfano: pronostico elezioni anticipate a febbraio
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Capigruppo Fi: impraticabile congelare crisi governo Renzi
Governo
Mattarella congela Renzi e attende Pd, crisi dopo la manovra
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Touchscreen e realtà aumentata: a Milano il supermarket del futuro
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
I supermercati del futuro di Amazon: niente casse e code
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni