sabato 03 dicembre | 07:47
pubblicato il 29/ago/2011 17:20

Bagnasco: Questione morale è grave e urgente,politica la affronti

Un dovere essere modelli ed esempi di valori e affidabilità

Bagnasco: Questione morale è grave e urgente,politica la affronti

Roma, 29 ago. (askanews) - Un monito alla politica affinché affronti la questione morale, definita "grave e urgente", l'attenzione per i giovani e il loro mondo, la difesa della famiglia tradizionale. Lo ha lanciato il Cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Conferenza episcopale italiana e arcivescovo di Genova, nel corso dell'omelia pronunciata oggi in occasione della Festa della Madonna della Guardia, Santuario genovese dove oggi si festeggia l'anniversario della prima apparizione, nel 1490. Non solo "fare diversamente", ma "pensare diversamente" e sostituire la "cultura della vita facile", con la "cultura della serietà", ha voluto sottolineare Bagnasco, come sottolineato nel suo discorso riportato dal sito di radio Vaticana e dall'Osservatore Romano. Un compito gravoso al quale siamo chiamati tutti, ma in primo luogo coloro che hanno responsabilità pubbliche: il mondo della politica che deve affrontare la questione morale, "grave e urgente", una questione che "non riguarda solo le persone, ma anche le strutture e gli ordinamenti", ha affermato il Cardinale. Il porporato ha ricordato che non si possono negare "l'impegno generoso e la rettitudine limpida di molti" ai quali vanno rinnovate "stima e fiducia", e che la questione, tuttavia, non è solo un problema politico, ma anche culturale ed educativo. "Tutta la società deve diventare educante, un orizzonte di modelli, un clima respirabile di valori" da trasmettere ai giovani. E proprio i giovani, quei due milioni che sono accorsi a Madrid per la Giornata Mondiale della Gioventù, avendo riconosciuto nel Papa "il punto affidabile e vero", sono "l'unica buona notizia di questi tempi". I giovani che non cedono alla rabbia, ma che trovano la speranza in Cristo, i giovani che "non vogliono essere ingannati - ha aggiunto il Cardinale - che sanno che la vita non è di chi se la gode, ma che la strada della realizzazione e della gioia è quella del dovere, del sacrificio e della famiglia stabile e feconda". Della famiglia il porporato aveva parlato già ieri durante la celebrazione al termine del tradizionale pellegrinaggio a piedi, lanciando un appello alle istituzioni affinché la tutelino e la salvaguardino, in quanto ancora "punto di riferimento stabile", nonostante le forze che mirano a snaturarne il volto.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari