mercoledì 22 febbraio | 03:07
pubblicato il 06/feb/2014 17:29

Bagarre alla Camera, forse già lunedì prime sanzioni ai deputati

M5s: è un maxiprocesso. E Di Battista: io me ne infischio

Bagarre alla Camera, forse già lunedì prime sanzioni ai deputati

Roma (askanews) - Potrebbero arrivare presto le prime sanzioni per i fatti accaduti in Aula alla Camera e nelle commissioni Affari Costituzionali e Giustizia il 29 gennaio scorso in seguito all'approvazione del decreto Imu-Bankitalia: l'ufficio di presidenza di Montecitorio lunedì prossimo probabilmente, deciderà il da farsi.Sul blog di Beppe Grillo intanto lo hanno ribattezzato il "Maxi-processo" e uno dei protagonisti, il deputato Alessandro Di Battista, ha pubblicato su Facebook il resoconto del colloquio con la presidente Laura Boldrini:"Pur sforzandomi non riesco a intravedere alcuna autorità in questo pseudo tribunale che ci sta giudicando. Per cui fate quello che volete, francamente me ne infischio".I deputati 5 stelle continuano anche a puntare il dito contro il questore Stefano Dambruoso di Scelta Civica, reo di aver colpito in viso la grillina Loredana Lupo.

Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia