lunedì 05 dicembre | 09:58
pubblicato il 06/giu/2012 20:00

Authority/ Camere eleggono nomi scelti dai partiti, è polemica

Moglie Vespa alla Privacy.Di Pietro:Curricula come carta igienica

Authority/ Camere eleggono nomi scelti dai partiti, è polemica

Roma, 6 giu. (askanews) - Maurizio Decina per il Pd, Antonio Martusciello e Antonio Preto per il Pdl, Antonio Posteraro per il Terzo polo all'Agcom. La leghista Giovanna Bianchi Clerici, il democratico Antonello Soro, Augusta Iannini (capo dell'ufficio legislativo del ministero della Giustizia e moglie del giornalista Bruno Vespa), indicata dal Pdl, e Licia Califano indicata dal Pd alla Privacy. Giuseppe Lauricella al Consiglio superiore della giustizia amministrativa. Hanno tutti una casacca politica i componenti delle Authority eletti oggi da Camera e Senato, nomi usciti dalla trattativa condotta nei giorni scorsi nella maggioranza in barba al 'lodo-Fini', cioè alla decisione del presidente della Camera, messa in atto anche al Senato, di mettere a disposizione dei parlamentari sul loro portale i curricula dei candidati. Un tentativo timido per la verità visto che i documenti arrivati sulle scrivanie della seconda e della terza carica dello Stato sono stati pubblicati soltanto a partire da lunedì scorso alle 13 e la scadenza delle candidature era stata fissata per ieri alle 15. Poche ore prima della votazione di questa mattina, insomma. Idv e Radicali non partecipano alla votazione e Antonio Di Pietro si scatena: "La modalità con cui sono stati individuati i componenti dell'Agcom è assurda. Un metodo da presa in giro". Si è data a tutti la possibilità di presentare dei curriculum, "solo che questi curriculum - ha detto l'ex pm - sono stati utilizzati come carta da cesso: non gliene è fregato niente e nessuno li ha letti". Attacca anche Beppe Grillo dal suo blog chiedendo addirittura l'abolizione dell'Autorità Garante per le comunicazioni, "uno spreco - osserva - di soldi pubblici, una copertura per il controllo dei media da parte dei partiti. Una presa per i fondelli. Monti la tagli. Nella migliore tradizione inciucista Pdl e Pdmenoelle con la mosca cocchiera dell'Udc, decidono di spartirsi le poltrone del nuovo consiglio dell'Agcom. Fin qui nella norma della Seconda Repubblica. Il tutto si complica con l'annuncio della auto candidatura a presidente di Stefano Quintarelli, un informatico molto noto e stimato nel settore. Scatta da parte dei partiti la ricerca di persone fidate di chiara fama da contrapporre a Quintarelli come consiglieri per salvarsi la faccia". La candidatura di Quintarelli era stata presentata anche dai deputati di Api e Fli ma il partito di Fini ha partecipato poi con Benedetto Della Vedova al vertice sulle nomine tra Bersani e Casini dell'altro ieri e Quintarelli oggi ha ottenuto alla Camera soltanto 15 voti. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari