martedì 21 febbraio | 18:34
pubblicato il 20/set/2011 18:31

Atti del caso Tarantini trasferiti a Roma,annuncia procura Napoli

Decisione Gip non impugnabile. Pdl spinge sul processo lungo

Atti del caso Tarantini trasferiti a Roma,annuncia procura Napoli

Napoli, 20 set. (askanews) - "Questo ufficio, in conformità a quanto deciso dal giudice, trasmetterà al più presto gli atti all'autorità giudiziaria romana". Lo ha comunicato il capo della procura di Napoli Giandomenico Lepore in merito agli atti del procedimento per estorsione ai danni del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, da parte dell'imprenditore Giampaolo Tarantini e dell'ex giornalista Valter Lavitola. La decisione emessa questo pomeriggio dal Gip Amelia Primavera, circa l'incompetenza territoriale della procura napoletana, non è impugnabile. Il gip del Tribunale di Napoli Amelia Primavera ha dichiarato la competenza della Procura di Roma sulle indagini sulla presunta estorsione. Il giudice era stato chiamato a pronunciarsi sull'istanza presentata il 3 settembre scorso dai legali di Tarantini, gli avvocati Alessandro Diddi e Ivan Filippelli. Il gip non si è espresso sulla richiesta di scarcerazione o arresti domiciliari avanzata dalla difesa ma si è pronunciato solo sulla questione della competenza territoriale dell'inchiesta, rivalutando gli elementi emersi nel corso delle indagini e dei recenti interrogatori. Tutto ruota attorno al fatto che le dazioni di denaro alla base della presunta estorsione, secondo quel che emerge da intercettazioni e dalle dichiarazioni della segretaria del premier Marinella Brambilla, ascoltata come testimone, sarebbero avvenute a Roma. Nel frattempo il Pdl ha chiesto in commissione Giustizia alla Camera di calendarizzare al più presto la legge ribattezzata per "il processo lungo", approvata dal Senato lo scorso 29 luglio, il cui testo è stato pesantemente bocciato dal Csm che ha espresso parere negativo su norme che potrebbero avere "effetti dirompenti" sulla tenuta del sistema processuale. Secondo l'opposizione il ddl consentirebbe di fatto a Berlusconi di far cadere in prescrizione il processo Mills, vicinissimo alla sentenza. Le norme approvate con i voti della maggioranza al Senato allargano consistentemente la possibilità per la difesa di convocazione di testimoni durante il processo, cancellando il potere del giudice di non ammettere quelle prove ritenute superflue. Inoltre è previsto che siano immediatamente applicabili anche ai processi in corso. La richiesta del Pdl arriva all'indomani dell'udienza al processo Mills a Milano, che vede imputato il premier Silvio Berlusconi, nella quale il Tribunale ha cancellato diverse testimonianze richieste dalla difesa. Una limatura che al contempo ha fatto insorgere gli avvocati di Berlusconi e reso possibile la conclusione del processo di primo grado prima dell'intervento della prescrizione del reato. "Vogliono imporre al Parlamento di lavorare per intervenire direttamente sui processi in corso del presidente del Consiglio". Così la capogruppo del Pd in commissione Giustizia alla Camera, Donatella Ferranti, commenta la richiesta del Pdl di calendarizzare il processo lungo. "E' significativo - prosegue - che questa richiesta avvenga il giorno dopo che il giudice di Milano ha ridotto i testi nel processo Mills. Il Pdl vorrebbe rendere legge le tecniche dilatorie portate avanti dalla difesa di Berlusconi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Speranza: domani non andrò alla direzione, ieri rottura nel Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia