mercoledì 22 febbraio | 21:13
pubblicato il 04/ago/2016 19:11

Arrivano nuovi direttori tg Rai. Minoranza dem lascia Vigilanza

Si spacca anche il cda, 6 voti a favore e 3 contro

Arrivano nuovi direttori tg Rai. Minoranza dem lascia Vigilanza

Roma, 4 ago. (askanews) - Il cda della Rai vara il pacchetto di nomine dei tg proposti dal direttore generale Campo Dall'Orto e un secondo dopo i due esponenti della minoranza dem, Miguel Gotor e Federico Fornaro, annunciano le loro dimissioni dalla commissione di Vigilanza. "Il Partito democratico - spiegano - non è nato per riprodurre i vizi del passato, ma per cambiare l'Italia e, convinti che un altro Pd sia possibile, ci dissociamo da uno stile e da un costume politico che non ci appartiene". Una presa di distanza tutta politica che nel mirino non ha, dunque, i vertici di viale Mazzini ma il governo. E, segnatamente, Matteo Renzi.

Dopo il fallimento del blitz notturno in Vigilanza, e il tentativo messo in atto proprio da Fornaro di stoppare le nomine con un ordine del giorno, il Consiglio di amministrazione riunitosi questa mattina ha dunque approvato i nomi dei nuovi direttori. Ida Colucci al Tg2 (al posto di Marcello Masi), Luca Mazzà al Tg3 (al posto di Bianca Berlinguer), Andrea Montanari a Radio 1 Giornale radio (al posto di Flavio Mucciante), Nicoletta Manzione a Rai Parlamento (al posto di Gianni Scipione Rossi).

Alla fine il pacchetto di nomine passa a maggioranza con i voti contrari dei tre consiglieri di opposizione: Carlo Freccero, Arturo Diaconale e Antonio Mazzuca. Si compatta, invece, il fronte della maggioranza sebbene più di qualche perplessità sia stata espressa "sul metodo più che sul merito" sia da Franco Siddi che da Rita Borioni, espressione dei "giovani turchi". Una spaccatura netta, insomma, anche se in consiglio non ci sarebbero stati mai toni aspri.

Come sempre, è invece dagli schieramenti politici che si alza il polverone maggiore. Sul piede di guerra c'è di certo la minoranza dem. Scende in campo anche Pierluigi Bersani: Miguel Gotor e Federico Fornaro - scrive su Facebook - hanno fatto bene a dimettersi dalla commissione di Vigilanza, non è vero che in materia di Rai 'così fan tutti'".

Pioggia di critiche anche da tutta l'opposizione che accusa il presidente del Consiglio di aver creato in Rai un monocolore a sua immagine e somiglianza. "Sono nomine fatte per accontentare Renzi", dice Maurizio Gasparri di Fi, mentre Massimiliano Fedriga della Lega sentenzia: "E' iniziata l'era Renzogan". Critici anche i 5stelle che accusano il premier di voler "militarizzare l'informazione" ma respingono anche le accuse di chi, come Gasparri, punta il dito contro la decisione del presidente della Vigilanza, Roberto Fico, di non porre ieri in votazione alcun documento. "Noi - spiegano - non accettiamo lezioni di pluralismo da Forza Italia".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Pd
Pd, Orfini: dopo Emiliano spero ci ripensino Rossi e Speranza
Pd
Di Maio (M5s): elettori Pd disorientati, guardano a noi
Governo
Renzi: governo fa cose importanti ma se ne parla poco
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech