lunedì 05 dicembre | 16:23
pubblicato il 03/feb/2014 12:00

Arcigay contro Letta a Sochi: "Italia ha già perso Olimpiadi"

"Premier sconfortante, sue parole offesa a intelligenza dei gay"

Arcigay contro Letta a Sochi: "Italia ha già perso Olimpiadi"

Roma, 3 feb. (askanews) - "L'Italia grazie a Enrico Letta ha già perso le sue Olimpiadi". Sono "parole sconfortanti e che offendono la nostra intelligenza" quelle che il premier Enrico Letta ha pronunciato per giustificare la sua presenza alla cerimonia inaugurale dell'olimpiadi invernali di Sochi. Lo ha affermato in una dichairazione Flavio Romani, presidente nazionale di Arcigay, sottolineando che "quando sui diritti hanno la meglio le forniture di gas o un'operazione di marketing, abbiamo svenduto l'onore di un Paese". "Nelle scorse settimane si erano moltiplicati gli appelli rivolti al premier per disertare quell'appuntamento, come segno di dissenso dalle leggi omofobe in vigore nella Russia di Putin, così come hanno annunciato di fare il presidente Usa Barack Obama, quello francese Fran ois Hollande, e perfino i conservatori Angela Merkel e David Cameron.Letta invece - fa notare il presidente di Arcigay - si smarca dalle culture democratiche, quelle dei diritti, e annuncia che andrà a dire a parole ciò che altri capi di stato mostreranno con un fatto inequivocabile: l'assenza. Abbiamo bisogno di fatti, signor Primo Ministro. Abbiamo bisogno che la questione dei diritti in Italia sia ritenuta non negoziabile, urgente e improcrastinabile come è negli Stati Uniti, in Germania, in Francia, in Inghilterra". "Non può dirci - ha proseguito su Letta il presidente Arcigay- che parteciperà a un'abbuffata per promuovere una dieta. Non può stringere la mano di chi arma la violenza degli omofobi, brindarci assieme, e sostenere che così facendo lei sta esprimendo un dissenso. un'argomentazione surreale che offende l'intelligenza di chi l'ascolta. Ma soprattutto mettere il tema delle discriminazioni sullo stesso piano di un'operazione di marketing è la fotografia amara e sconcertante della deriva della politica italiana, del totale smarrimento di un senso etico e della rinuncia a fare della politica lo strumento di affermazione di giustizia, dignità, civiltà, democrazia".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari