lunedì 16 gennaio | 12:19
pubblicato il 26/gen/2013 13:10

Anno giudiziario/Trieste: Curto, proseguire su terreno riforme

(ASCA) - Trieste, 26 gen - ''Neppure l'ultimo disegno di legge approvato dal Parlamento per prevenire e reprimere il dilagante fenomeno della corruzione e dell'illegalita' nella pubblica amministrazione, sembra del tutto congruo''. Cosi', il procuratore generale presso la Corte d'Appello di Trieste, Angelo Curto.

''Occorre dunque proseguire sul terreno delle riforme e mi auguro che nella prossima legislatura si ponga finalmente mano ad una radicale rivisitazione delle regole che disciplinano l'esercizio dell'azione penale che consenta il raggiungimento del suo duplice scopo, di prevenzione generale e di repressione delle condotte illecite'' - ha aggiunto Curto -. Per quanto riguarda i reati piu' ricorrenti, Curto ha ricordato ''consistenti fenomeni di stampo mafioso nel distretto, mentre destano particolare attenzione i reati tipici delle zone di frontiera, quali il traffico internazionale di stupefacenti, il riciclaggio e il favoreggiamento dell'immigrazione clandestina''.

fdm/mar/rl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Fca
Fca, Delrio: richiesta Germania a Ue del tutto irricevibile
Governo
Alfano: elezioni? Avanti finchè c'è carburante, senza psicodrammi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Il prototipo della nuova Civic Type R debutta al Salone di Tokyo
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
On line il sito del Fondo Astoi a tutela dei viaggiatori
Energia e Ambiente
Energia, Bellanova: Italia con Enea all'avanguardia internazionale
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Spazio, prima passeggiata spaziale per il francese Thomas Pesquet
TechnoFun
Arriva Switch, la nuova console trasformista di Nintendo
Sistema Trasporti
A Milano il car sharing DriveNow apre alle auto elettriche