venerdì 02 dicembre | 23:48
pubblicato il 26/gen/2013 13:10

Anno giudiziario/Trieste: Curto, proseguire su terreno riforme

(ASCA) - Trieste, 26 gen - ''Neppure l'ultimo disegno di legge approvato dal Parlamento per prevenire e reprimere il dilagante fenomeno della corruzione e dell'illegalita' nella pubblica amministrazione, sembra del tutto congruo''. Cosi', il procuratore generale presso la Corte d'Appello di Trieste, Angelo Curto.

''Occorre dunque proseguire sul terreno delle riforme e mi auguro che nella prossima legislatura si ponga finalmente mano ad una radicale rivisitazione delle regole che disciplinano l'esercizio dell'azione penale che consenta il raggiungimento del suo duplice scopo, di prevenzione generale e di repressione delle condotte illecite'' - ha aggiunto Curto -. Per quanto riguarda i reati piu' ricorrenti, Curto ha ricordato ''consistenti fenomeni di stampo mafioso nel distretto, mentre destano particolare attenzione i reati tipici delle zone di frontiera, quali il traffico internazionale di stupefacenti, il riciclaggio e il favoreggiamento dell'immigrazione clandestina''.

fdm/mar/rl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari