domenica 04 dicembre | 03:31
pubblicato il 26/gen/2013 12:04

Anno giudiziario/Roma: Santacroce, estremamente grave situazione carceri

(ASCA) - Roma, 26 gen - ''Resta estremamente grave la situazione del sovraffollamento delle carceri dove si trovano ristretti 7.171 detenuti rispetto a una copertura regolamentare di 4.834 posti, di cui 3.325 imputati, 3.289 condannati e 2 internati''. A rilevarlo il presidente della Corte d'Appello di Roma, Giorgio Santacroce, in occasione dell'inaugurazione dell'anno giudiziario.

''La soluzione di questo problema e' l'atto mancato piu' grave di tutti i governi degli ultimi anni, perche' da' la misura della nostra collettiva inadeguatezza: le carceri traboccano dei detenuti che vivono in condizioni inaccettabili''.

''Una situazione indecorosa - ha aggiunto - che continua a costarci da decenni le condanne della Corte Europea dei diritti dell'uomo, l'ultima delle quali e' dei giorni scorsi''. Particolarmente grave la situazione di Frosinone dove il numero dei detenuti e' salito nel giugno del 2012 a 557 unita', a fronte di una capienza regolamentare di 263 posti. bet/mar/rl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari