sabato 03 dicembre | 08:40
pubblicato il 26/gen/2013 11:02

Anno giudiziario/Milano: Canzio, sobrieta' nei rapporti con la politica

+++ Presente il premier dimissionario Mario Monti +++.

(ASCA) - Milano, 26 gen - I magistrati dovrebbero avere ''equilibrio, moderazione, sobrieta' e riservatezza'' soprattutto ''sul piano dei rapporti con i 'media' e con la politica''. Questo l'appello lanciato da Giovanni Canzio, presidente della Corte d'Appello di Milano, ai magistrati del capoluogo lombardo riuniti nel palazzo di giustizia per la cerimonia di inaugurazione dell'anno giudiziario, alla presenza del presidente del Consiglio dimissionario Mario Monti.

Canzio si e' soffermato in particolare sulla ''deontologia professionale'' che rappresenta ''una guida sicura'' per i magistrati. Compito delle toghe, ha evidenziato ancora il presidente della Corte d'Appello di Milano nel suo intervento, e' soprattutto quello di coniugare ''potere e responsabilita''', perche' soltanto cosi' ''l'indipendenza dei giudici sara' vista come la garanzia fondamentale dei cittadini''.

fcz/mar/rl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari