lunedì 27 febbraio | 00:41
pubblicato il 26/gen/2013 11:02

Anno giudiziario/Milano: Canzio, sobrieta' nei rapporti con la politica

+++ Presente il premier dimissionario Mario Monti +++.

(ASCA) - Milano, 26 gen - I magistrati dovrebbero avere ''equilibrio, moderazione, sobrieta' e riservatezza'' soprattutto ''sul piano dei rapporti con i 'media' e con la politica''. Questo l'appello lanciato da Giovanni Canzio, presidente della Corte d'Appello di Milano, ai magistrati del capoluogo lombardo riuniti nel palazzo di giustizia per la cerimonia di inaugurazione dell'anno giudiziario, alla presenza del presidente del Consiglio dimissionario Mario Monti.

Canzio si e' soffermato in particolare sulla ''deontologia professionale'' che rappresenta ''una guida sicura'' per i magistrati. Compito delle toghe, ha evidenziato ancora il presidente della Corte d'Appello di Milano nel suo intervento, e' soprattutto quello di coniugare ''potere e responsabilita''', perche' soltanto cosi' ''l'indipendenza dei giudici sara' vista come la garanzia fondamentale dei cittadini''.

fcz/mar/rl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech