martedì 06 dicembre | 04:08
pubblicato il 14/apr/2011 05:10

Anm: Legge non reggerà a vaglio costituzionalità

Cascini: Viola convenzione Onu su corruzione ed eguaglianza. Ieri l'approvazione alla Camera del ddl sul processo breve

Anm: Legge non reggerà a vaglio costituzionalità

Roma, 14 apr. (askanews) - Il taglio della prescrizione per gli incensurati, inserito nella proposta di legge sul processo breve approvata alla Camera, "difficilmente potrà reggere al vaglio di costituzionalità". Lo ha affermato il segretario dell'Associazione nazionale magistrati Giuseppe Cascini, dopo l'approvazione ieri alla Camera della legge che ora torna al Senato. Cascini ha ricordato il "vincolo internazionale" cui l'Italia è legata avendo sottoscritto la Convenzione Onu contro la corruzione, con la quale "lo Stato italiano si impegna a garantire la persecuzione di tali reati". Il secondo problema è che "l'esigenza di circoscrivere l'applicazione ottenendo gli effetti sul singolo processo porta con sé un fatto grave, la violazione del principio di eguaglianza". Ieri sera l'aula della Camera ha approvato a maggioranza, con i voti del centrodestra, il ddl sul processo breve. Il provvedimento è stato profondamente modificato rispetto al testo uscito da Palazzo Madama: vi è stata infatti inserita la norma che accorcia la prescrizione per gli incensurati e che, una volta approvata in via definitiva, provocherà l'estinzione del processo Mills in cui è imputato il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. Le opposizioni hanno deciso, alla fine, di prendere parte al voto e verbalizzare il loro voto contrario. Senza rinunciare a manifestare non solo nel voto il dissenso contro una nuova legge considerata molto grave. Una copia della Costituzione italiana è stata esposta da ogni deputato del Pd e dell'Italia dei Valori durante il voto finale sulla prescrizione breve alla Camera. E i deputati dipietristi hanno esposto anche cartelli con i nomi dei processi pià importanti che con la nuova legge potrebbero non arrivare a sentenza."Nessuna giustizia", recitavano i cartelli per i processi sulla Clinica Santa Rita, Cirio, caso Tarantini, Fincantieri Palermo, Eternit, Ilva di Taranto, rogo Thyssen Krupp, crollo casa dello studente all'Aquila, strage di Viareggio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Stamattina colloquio informale Mattarella-Renzi al Quirinale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari