martedì 06 dicembre | 11:44
pubblicato il 06/mag/2013 15:00

Andreotti: Durnwalder, scompare uno dei padri dell'autonomia

(ASCA) - Bolzano, 6 mag - ''Era un libro di storia: orgoglioso di questa autonomia, di aver contribuito a costruirla e di come funziona'': nel suo ricordo dell'ex Presidente del Consiglio, Ministro e senatore a vita scomparso oggi, il presidente della provincia di Bolzano, Luis Durnwalder sottolinea il filo rosso del lungo impegno politico di Giulio Andreotti nella questione altoatesina.

''Ha sempre guardato al futuro, consapevole che nella nuova Europa le diversita' sono una ricchezza. E sapeva che le zone di confine sono diverse dal resto del Paese. Due passaggi importanti per raggiungere risultati positivi.'' Se l'Alto Adige oggi e' politicamente stabilizzato, ''va reso merito ad alcune personalita' con una visione politica di grande respiro, tra loro Giulio Andreotti, che negli anni hanno saputo spegnere con la ragione, la lucidita' e il rispetto della dignita' umana gli incendi appiccati da altri'', sottolinea Durnwalder. Nel 2008 all'allora senatore a vita Giulio Andreotti la Giunta provinciale aveva conferito il Grande ordine al merito, la massima onorificenza provinciale, per il suo ruolo fondamentale nello sviluppo dell'autonomia altoatesina, in maniera particolare per quanto riguarda il ''Pacchetto''.

Nella sua carriera politica ai massimi livelli Andreotti ha infatti contribuito in maniera decisiva, prosegue Durnwalder, ''a fare in modo che il cammino dell'Alto Adige non finisse in una strada senza uscita. Con altri politici lungimiranti a Roma e Vienna ha creato le premesse per consentire a questa terra e alla sua popolazione di uscire da una situazione frustrante, di timore e spesso percepita come priva di prospettive. Ci siamo cosi' incamminati verso un futuro positivo e promettente.'' Il secondo Statuto di autonomia e numerose norme di attuazione portano la firma del presidente Andreotti. ''Vanno ricordate in particolare - spiega Durnwalder - alcune norme che hanno garantito alla minoranza di poter conservare e sviluppare le proprie tradizioni e di realizzarsi nella propria madrelingua tedesca o ladina.

Giulio Andreotti ha sempre mostrato grande rispetto dei gruppi linguistici e delle minoranze. Egli e' parte della storia della nostra autonomia'', conclude Durnwalder.

com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Stamattina colloquio informale Mattarella-Renzi al Quirinale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Ecco la gastro-diplomazia: mangiare bene aiuta a conquistare mondo
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari