martedì 28 febbraio | 00:41
pubblicato il 06/mag/2013 15:00

Andreotti: Durnwalder, scompare uno dei padri dell'autonomia

(ASCA) - Bolzano, 6 mag - ''Era un libro di storia: orgoglioso di questa autonomia, di aver contribuito a costruirla e di come funziona'': nel suo ricordo dell'ex Presidente del Consiglio, Ministro e senatore a vita scomparso oggi, il presidente della provincia di Bolzano, Luis Durnwalder sottolinea il filo rosso del lungo impegno politico di Giulio Andreotti nella questione altoatesina.

''Ha sempre guardato al futuro, consapevole che nella nuova Europa le diversita' sono una ricchezza. E sapeva che le zone di confine sono diverse dal resto del Paese. Due passaggi importanti per raggiungere risultati positivi.'' Se l'Alto Adige oggi e' politicamente stabilizzato, ''va reso merito ad alcune personalita' con una visione politica di grande respiro, tra loro Giulio Andreotti, che negli anni hanno saputo spegnere con la ragione, la lucidita' e il rispetto della dignita' umana gli incendi appiccati da altri'', sottolinea Durnwalder. Nel 2008 all'allora senatore a vita Giulio Andreotti la Giunta provinciale aveva conferito il Grande ordine al merito, la massima onorificenza provinciale, per il suo ruolo fondamentale nello sviluppo dell'autonomia altoatesina, in maniera particolare per quanto riguarda il ''Pacchetto''.

Nella sua carriera politica ai massimi livelli Andreotti ha infatti contribuito in maniera decisiva, prosegue Durnwalder, ''a fare in modo che il cammino dell'Alto Adige non finisse in una strada senza uscita. Con altri politici lungimiranti a Roma e Vienna ha creato le premesse per consentire a questa terra e alla sua popolazione di uscire da una situazione frustrante, di timore e spesso percepita come priva di prospettive. Ci siamo cosi' incamminati verso un futuro positivo e promettente.'' Il secondo Statuto di autonomia e numerose norme di attuazione portano la firma del presidente Andreotti. ''Vanno ricordate in particolare - spiega Durnwalder - alcune norme che hanno garantito alla minoranza di poter conservare e sviluppare le proprie tradizioni e di realizzarsi nella propria madrelingua tedesca o ladina.

Giulio Andreotti ha sempre mostrato grande rispetto dei gruppi linguistici e delle minoranze. Egli e' parte della storia della nostra autonomia'', conclude Durnwalder.

com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech