mercoledì 18 gennaio | 20:05
pubblicato il 06/mag/2013 15:00

Andreotti: Durnwalder, scompare uno dei padri dell'autonomia

(ASCA) - Bolzano, 6 mag - ''Era un libro di storia: orgoglioso di questa autonomia, di aver contribuito a costruirla e di come funziona'': nel suo ricordo dell'ex Presidente del Consiglio, Ministro e senatore a vita scomparso oggi, il presidente della provincia di Bolzano, Luis Durnwalder sottolinea il filo rosso del lungo impegno politico di Giulio Andreotti nella questione altoatesina.

''Ha sempre guardato al futuro, consapevole che nella nuova Europa le diversita' sono una ricchezza. E sapeva che le zone di confine sono diverse dal resto del Paese. Due passaggi importanti per raggiungere risultati positivi.'' Se l'Alto Adige oggi e' politicamente stabilizzato, ''va reso merito ad alcune personalita' con una visione politica di grande respiro, tra loro Giulio Andreotti, che negli anni hanno saputo spegnere con la ragione, la lucidita' e il rispetto della dignita' umana gli incendi appiccati da altri'', sottolinea Durnwalder. Nel 2008 all'allora senatore a vita Giulio Andreotti la Giunta provinciale aveva conferito il Grande ordine al merito, la massima onorificenza provinciale, per il suo ruolo fondamentale nello sviluppo dell'autonomia altoatesina, in maniera particolare per quanto riguarda il ''Pacchetto''.

Nella sua carriera politica ai massimi livelli Andreotti ha infatti contribuito in maniera decisiva, prosegue Durnwalder, ''a fare in modo che il cammino dell'Alto Adige non finisse in una strada senza uscita. Con altri politici lungimiranti a Roma e Vienna ha creato le premesse per consentire a questa terra e alla sua popolazione di uscire da una situazione frustrante, di timore e spesso percepita come priva di prospettive. Ci siamo cosi' incamminati verso un futuro positivo e promettente.'' Il secondo Statuto di autonomia e numerose norme di attuazione portano la firma del presidente Andreotti. ''Vanno ricordate in particolare - spiega Durnwalder - alcune norme che hanno garantito alla minoranza di poter conservare e sviluppare le proprie tradizioni e di realizzarsi nella propria madrelingua tedesca o ladina.

Giulio Andreotti ha sempre mostrato grande rispetto dei gruppi linguistici e delle minoranze. Egli e' parte della storia della nostra autonomia'', conclude Durnwalder.

com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fca
Fca,Gentiloni a Merkel: omologazione spetta a autorità italiane
Brexit
Brexit,Gentiloni:May fa chiarezza, Ue pronta a discutere con Gb
Terremoti
Terremoto, Boschi segue situazione. In contatto con Curcio e Errani
Scuola
Mattarella: scuole hanno ruolo fondamentale anche all'estero
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina