domenica 26 febbraio | 09:27
pubblicato il 07/mag/2013 17:06

Andreotti: Consiglio Lombardia lo commemora, Ambrosoli lascia aula (upd)

(ASCA) - Milano, 7 mag - Strappo di Umberto Ambrosoli che non ha voluto partecipare alla commemorazione di Giulio Andreotti e ha lasciato il consiglio regionale della Lombardia durante il minuto di silenzio osservato oggi dall'aula del Pirellone in ricordo del senatore a vita scomparso ieri all'eta' di 94 anni. Dallo staff dell'avvocato 40enne che ha sfidato Roberto Maroni alle ultime elezioni regionali lombarde precisano tuttavia che e' stato un gesto molto discreto, senza nessun intento polemico nei confronti di una persona scomparsa di recente. E' un fatto pero' che Adreotti aveva rilasciato un'intervista dove affermava che se Giorgio Ambrosoli, il padre di Umberto noto come 'eroe borghese', e' stato assassinato dai sicari di Michele Sindona durante il suo incarico di liquidatore della banca Privata Italia, tutto questo e' accaduto perche' ''se l'andava cercando''.

''In questa frase c'e' un modo di intendere la responsabilita' che non condivido'', ha spiegato lo stesso Ambrosoli che ha aggiunto: ''Non trovo che tale atteggiamento debba essere meritevole di promozione e al contempo non si puo' negare la gravita' del fatto che sia stato detto. E' un modo per dire che prima della responsabilita' istituzionale che qualcuno va ad assumersi consapevolmente c'e' l'interesse personale. Affermare 'Se l'e' cercata' significa anteporre l'interesse personale a quello istituzionale''. La decisione di lasciare l'aula, ha detto ancora il coordinatore del centrosinistra al Pirellone, non intende essere polemica: ''Non faccio nessuna polemica e non ho voglia di inquinare il momento della morte di una persona con delle polemiche. E' sacrosanto che le istituzioni commemorino gli uomini delle istituzioni, tanto piu' se hanno ricoperto ruoli cosi' significativi in tutta la nostra storia repubblicana. Ma e' altrettanto vero - ha puntualizzato Ambrosoli - le che istituzioni sono fatte da persone, ciascuna delle quali ha la propria coscienza, e si comportano di conseguenza mettendo sul piatto della bilancia l'integralita' della vita di una persona.

Ci sta - ha concluso - che qualcuno possa avere ricordi personali, anche alcuni passaggi della storia di altri hanno piu' peso rispetto ad altri''. fcz/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech