sabato 21 gennaio | 14:17
pubblicato il 28/mag/2013 11:41

Amministrative/Umbria: nei 5 comuni finisce 3 a 2 per il centrosinistra

(ASCA) - Perugia, 28 mag - All'indomani della tornata elettorale che in Umbria ha visto 5 comuni al voto (4 in provincia di Pg, tra cui il solo con popolazione superiore ai 15.000 abitanti, ed uno in Provincia di Terni), le valutazioni degli osservatori politici si dividono. La conquista di 3 sindaci a 2 per il centrosinistra viene letta come un segnale incoraggiante per il Pd, l'arretramento di due terzi rispetto ai consensi nelle politiche di febbraio del Movimento 5 Stelle fa sottolineare come quello di Grillo sia un fenomeno da leggere solo in chiave nazionale e, forse, gia' in declino, anche il PdL si dice soddisfatto per le vittorie a Castel Giorgio ed a Passignano, seppure nel comune lacustre la misura sia strettissima, appena 16 voti e sia inevitabile, allo stato, la richiesta di riconteggi. Non va comunque taciuto che la vittoria assoluta e' quella dell'astensionismo che in Umbria in generale e, soprattutto a Corciano il territorio numericamente piu' rilevante, sembra minare quel tradizionale orgoglio alla partecipazione e, prima ancora, all'appartenenza del popolo umbro, restio a valutare la propensione all'alternativa, perche' storicamente e culturalmente radicato in schieramenti solidificatisi sul territorio per aver fatto valere la componete sociale. Non puo' essere soltanto, dicono gli osservatori, la perdita della speranza davanti ad una situazione oggettiva che vede in Umbria sempre piu' Pmi chiudere, licenziati tra fasce di eta' ancora potenzialmente produttive e giovani ''castrati' anche nell'idea di entrare nel mondo del lavoro, e' probabilmente la consapevolezza che la politica sia divenuta davvero indeguata ad affrontare l'oggi. Ed in fondo e' questo il dato piu' preoccupante. E' come se la gente vedesse ormai la politica come altro da se', chiusa in schemi fissi e linguaggi autoreferenziali ed affatto concreti; anche chi, leggi i grillini, ha fatto dell'informazione dal basso e della raccolta delle istanze sul territorio la propria bandiera. In questa prospettiva appaiono quasi fuori luogo i bilanci di vittorie piu' o meno marcate, se si perde la gente, si deve parlare solo di sconfitta. Pg/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4