mercoledì 07 dicembre | 20:03
pubblicato il 04/mar/2011 21:13

Amministrative/ TerzoPolo candida Palmieri a Milano,stallo Napoli

Decisione appaltata all'Udc, si tratta su volto società civile

Amministrative/ TerzoPolo candida Palmieri a Milano,stallo Napoli

Roma, 4 mar. (askanews) - Il terzo polo scioglie la riserva e candida a sindaco di Milano il finiano Manfredi Palmeri mentre continuano le trattative per individuare 'l'asso' da calare in vista delle amministrative a Napoli dove la decisione in queste ore appare tutta appaltata ai vertici dell'Udc. La scelta del candidato a guidare il capoluogo partenopeo, tuttavia, avviene in un momento di alta tensione tra i dirigenti locali centristi e quelli nazionali. Non è piaciuta a Pier Ferdinando Casini e a Lorenzo Cesa la decisione del capogruppo dell'Udc nel comune di Napoli, Fabio Benincasa. Quest'ultimo ha presentato le dimissioni insieme agli altri componenti dell'opposizione per provocare lo scioglimento della Giunta Iervolino, una mossa fortemente stigmatizzata da via dei Due Macelli con le parole di Roberto Rao che hanno sancito la presa di distanza dei vertici nazionali del partito dal consigliere comunale vicino a Ciriaco De Mita: "Né Cesa, né Casini sono mai stati informati riguardo la decisione dei consiglieri comunali dell'Udc di Napoli di dimettersi e di firmare per lo scioglimento del consiglio comunale", ha dichiarato Rao. "A questo punto - ha proseguito - la naturale conseguenza di questa iniziativa è che gli artefici si assumano direttamente la responsabilità di qualsiasi decisione conseguente o derivante dalle azioni che hanno posto in essere. L'Udc nazionale non può e non vuole sciogliere un nodo intricato e non certo edificante che in nessun modo ha contribuito a creare". Una distanza presa pubblicamente anche per non rompere con il Partito democratico in vista di un eventuale appoggio al candidato dei democratici Mario Morcone al secondo turno o, secondo qualcuno, addirittura di un'alleanza al primo turno. L'affrancamento dal gesto del demitiano Benincasa, è stato sottolineato anche dalla decisione del segretario dell'Udc di rinviare oggi la sua visita a Napoli fissata per domani. Nel capoluogo partenopeo Cesa ci andrà giovedì prossimo, molto probabilmente già col nome del candidato del nuovo polo sul quale, per ora, è stallo. Fonti centriste raccontano che sarebbero da considerarsi archiviate le ipotesi dell'europarlamentare finiano Enzo Rivellini - anche se Futuro e Libertà continua a fare il suo nome - e della segretaria della Cisl Campania Lina Lucci. In pista ci sarebbe invece il deputato Udc Nunzio Testa, 55 anni, campano, chirurgo maxillo-facciale. Ma proviene dalla società civile l'identikit del candidato che secondo Casini sarebbe perfetto per la corsa delle amministrative di maggio. Sui nomi nel mirino è riserbo ma Cesa in queste ore ne sta sondando la disponibilità e l'accoglienza da parte dei dirigenti locali del partito.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Governo
Mattarella frena corsa al voto,prima sistema elettorale uniforme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni