venerdì 24 febbraio | 07:27
pubblicato il 07/apr/2012 05:10

Amministrative/ Al voto oltre 1.000 Comuni, 28 i capoluoghi

Sospese e rinviate le elezioni provinciali

Amministrative/ Al voto oltre 1.000 Comuni, 28 i capoluoghi

Roma, 7 apr. (askanews) - Sono poco più di 1.000 i Comuni italiani chiamati al voto nella prossima tornata di elezioni amministrative, tra il 6-7 e il 20-21 maggio. Nel dettaglio, si tratta di 177 Comuni superiori (fra cui 28 capoluoghi) e 843 Comuni inferiori (fra cui 1 inferiore che è considerato Comune capoluogo). Gli elettori chiamati alle urne saranno circa 9.600.000, che voteranno in 11.299 sezioni elettorali. Rinviate invece le elezioni provinciali, che erano previste, per il 2012, a Vicenza, Ancona, Como, Belluno, Genova, La Spezia, Caltanissetta e Ragusa. Il ricorso alle urne è stato sospeso e rinviato a seguito delle decisioni previste nel cosiddetto provvedimento 'Cresci-Italia'. In base alla normativa, agli organi provinciali che dovevano essere rinnovati nel 2012 verrà applicato l'articolo 141 del testo unico delle leggi sull'ordinamento degli Enti Locali (DL 267/2000 e successive modifiche, ndr.). Le modalità di elezione dei nuovi organi provinciali sono state definite in un ddl approvato proprio ieri dal Consiglio dei ministri. Per quanto riguarda le elezioni comunali, sono 28 i Comuni capoluogo in cui si rinnoverà il governo: Alessandria, Asti, Cuneo, Como, Monza, Belluno, Verona, Gorizia, Genova, La Spezia, Parma, Piacenza, Lucca, Pistoia, Frosinone, Rieti, L'Aquila, Isernia, Brindisi, Lecce, Taranto, Trani, Catanzaro, Agrigento, Palermo, Trapani. Da ricordare anche che per i Comuni al di sotto dei 10.000 abitanti si applicheranno le riduzioni consiliari del 20%. Non si voterà invece a Bagaladi (Reggio Calabria), Castel Volturno, Casal di Principe e Casapesenna (Caserta) e Mileto (Vibo Valentia), Comuni sciolti per infiltrazioni mafiose dal Cdm che si è riunito ieri. Discorso a parte meritano le Regioni a statuto speciale: in Sicilia, si voterà per il rinnovo dei Comuni il 6 e 7 maggio, come nel resto d'Italia, mentre nei Comuni della Sardegna si voterà il 20 e 21 maggio. L'elezione interesserà 65 Consigli comunali tra i quali i capoluoghi Oristano e Lanusei (considerato capoluogo dell'Ogliastra). L'eventuale voto di ballottaggio avverrà domenica 3 e lunedì 4 giugno. I referendum regionali, 5 abrogativi e 5 consultivi, già indetti con precedente decreto, sono stati anticipati a domenica 6 maggio. Nei comuni di Arnad, Issime e Valsavarenche, in Val d'Aosta, si voterà infine domenica 27 maggio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Pd
Renzi: in California cerco idee anti-populisti
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech