domenica 04 dicembre | 15:22
pubblicato il 13/dic/2013 12:48

Ambiente: via libera Cdm a ddl su contenimento consumo suolo

Ambiente: via libera Cdm a ddl su contenimento consumo suolo

(ASCA) - Roma, 13 dic - ''Siamo davanti ad una svolta per quel che riguarda l'uso del suolo. Oggi si afferma il principio secondo cui si puo' costruire solo se prima si dimostra che si e' riutilizzato il patrimonio esistente''. Lo ha affermato il ministro dell'Ambiente, Andrea Orlando, nel corso della conferenza stampa al termine del Cdm che ha dato il via libera al disegno di legge sul contenimento del consumo del suolo e sul riuso del suolo edificato. Per il ministro si tratta di ''un paletto importantissimo ed ora bisogna sviluppare il ragionamento consentendo, con ulteriori interventi, di incentivare il riuso e il recupero patrimonio edilizio''. Dello stesso avviso anche il ministro per le Politiche agricole, Nunzia De Girolamo, secondo cui il disegno di legge ''segna una separazione netta fra il passato, in cui c'e' stata la devastazione, e il futuro, in cui il terreno rispettato e viene utilizzato per lo sviluppo''.

brm/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari