domenica 04 dicembre | 09:41
pubblicato il 26/mar/2014 16:08

Ambiente: Realacci, dopo report Ispra stop consumo suolo. Riqualificare

Ambiente: Realacci, dopo report Ispra stop consumo suolo. Riqualificare

(ASCA) - Roma, 26 mar 2014 - ''A differenza di quanto si poteva pensare in passato oggi la battaglia contro il consumo di territorio, resa indispensabile anche dalla necessita' di contenere i rischi connessi ai mutamenti climatici in atto, e' la base per rilanciare una nuova edilizia che punti sulla qualita', sul risparmio energetico, sulla sicurezza antisismica, sul recupero del patrimonio esistente''.

Lo afferma Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera, a margine della presentazione del rapporto Ispra ''Il consumo di suolo in Italia'.

''Le leggi in discussione alla Camera sul contenimento del consumo di suolo che, secondo l'Ispra continua, a viaggiare all'intollerabile ritmo di 8 metri quadri al secondo, e le varie misure dovute anche a normative europee volte a favorire il risparmio energetico e la sicurezza antisismica in edilizia sono una parte importante della nostra green economy'', prosegue Realacci evidenziando che ''gia' oggi in Italia quasi il 70% degli investimenti del settore riguarda il recupero e la manutenzione dell'esistente''. Il presidente della commissione Ambiente della Camera sottolinea ''come non a caso gli incentivi per le ristrutturazioni e l'efficienza energetica in edilizia sono la misura di gran lunga piu' importante messa in capo nel 2013 per l'occupazione: hanno prodotto 19 miliardi di investimenti, garantendo oltre 280mila posti di lavoro, tra diretti e indotto''.

''La strada che parte dall'efficienza, dalla tutela dell'ambiente e dalla qualita' urbana - prosegue Realacci - produce non solo una consistente riduzione delle emissioni, risparmi per gli italiani e anche per le casse dello Stato, ma anche buona economia. I consumi termici ed elettrici delle case secondo il Cresme valgono oltre 45 miliardi di euro l'anno: piu' di dieci volte la manovra dell'Imu. Abbatterli puo' portare alle famiglie un risparmio ben maggiore. Basti ricordare che nel 2012 gli italiani hanno pagato in media sulla prima casa 235 euro di Imu, mentre tra una casa costruita bene e una casa costruita male passano 1.500 euro di bolletta energetica. Idem dicasi per gli edifici pubblici: secondo il Consip la spesa energetica per uffici, scuole e ospedali e' maggiore di 5 miliardi di euro annui. Investendo in efficienza energetica si puo' ridurre di un terzo questa cifra. Vanno proprio in questo senso le importanti proposte di Ordine degli Architetti, Cnappc, Filca-Cisl, Fillea-Cgil, Feneal-Uil avanzate oggi alla Casa dell'Architettura'', conclude il deputato.

com-stt/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari