domenica 19 febbraio | 16:05
pubblicato il 02/apr/2014 16:27

Ambiente: Pelino (Fi), Governo faccia chiarezza su trivelle Adriatico

(ASCA) - Roma, 2 apr 2014 - ''I benefici e le possibilita' di favorire lo sviluppo, che potrebbero derivare dall'insediamento delle piattaforme petrolifere, non possono pero' mai essere commisurati con gli eventuali e incalcolabili pericoli per la salute delle persone e per l'ambiente. Per questo motivo e' necessario fare chiarezza sulla necessita' di proseguire e autorizzare o meno nuove trivellazioni nel mare Adriatico, e in particolare in Abruzzo. Occorre tutelare l'ambiente, garantendo la massima condizione di sicurezza delle popolazioni interessate, visto che le coste del Mare Adriatico per una conformazione morfologica sono aree telluriche e vulcaniche''. Lo ha dichiarato la senatrice Paola Pelino, Vice Presidente del gruppo di Forza Italia a Palazzo Madama e Vice Presidente della Commissione Industria, che oggi ha votato a favore del provvedimento che impegna il governo ad esaminare attentamente le opportunita' e i rischi delle trivellazioni e dei progetti ad esse legati. res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto lascia Si: non serve partito ma nuovo centrosinistra
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Pd, fallisce nuova mediazione ma si tratta. Rischio scissione
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia